Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa

Immagine di copertina
Credit: Jintak Han/ZUMA Press Wire

Ventuno morti, di cui 19 bambini, in una sparatoria in una scuola elementare americana. Il killer, un ex studente della scuola di 18 anni, è stato ucciso dalla polizia. La strage è avvenuta alla Robb Elementary School di Uvalde, una cittadina del Texas a metà strada tra San Antonio ed il confine con il Messico. Non è la prima volta. Non sarà l’ultima. Nel 1999 alla Columbine High School, una scuola superiore a pochi chilometri da Denver, in Colorado, dodici studenti ed un insegnante vennero uccisi a colpi d’arma da fuoco da due ragazzi di 18 anni che si suicidarono dopo il massacro. Quell’eccidio venne sapientemente raccontato nel documentario premio Oscar di Michael Moore Bowling for Columbine. Nel 2007, al Virginia Polytechnic Institute di Blacksburg uno studente sudcoreano di 23 anni sparò all’impazzata uccidendo 32 persone prima di suicidarsi. Il 14 dicembre del 2012, alla Sandy Hook Elementary School di Newtown, in Connecticut, vennero assassinate 27 persone di cui 20 bimbi di 6 e 7 anni. A sparare fu un ragazzo di 20 anni. Anche lui si tolse la vita dopo la strage. Ragazzini che muoiono e ragazzi che sparano. E succede ovunque. In Texas, nel profondo sud americano, in Colorado, ai piedi delle Montagne Rocciose, in Connecticut, lungo la costa nord-orientale del Paese o in Virginia.

Leggo le parole colme di indignazione di Biden il quale, tra l’altro, all’epoca della carneficina alla Sandy Hook era vicepresidente USA. «Dobbiamo agire. Adesso un’azione contro la lobby delle armi». Ben venga una stretta sul possesso di pistole e fucili in un Paese dove è dannatamente facile procurarsi un’arma da fuoco. Ma c’è dell’altro. Molto altro. Nel suo documentario Moore analizza sì la diffusione delle armi ma anche il clima di paura e pressione che si vive in USA. L’insicurezza sociale dilaga, così come la solitudine e le malattie mentali. Un clima, ahimè, sempre più diffuso anche in Italia, complice la disgregazione dello Stato sociale e le difficoltà nelle relazioni.

D’altro canto se c’è un’industria che non entra mai in crisi questa è proprio quella della Paura. Chi ha paura di morire pensa a comprare un’arma da fuoco. Anche in Italia, in fondo, c’è chi spinge i cittadini ad armarsi. La droga si trova ormai ovunque. È più facile rimediare una dose di coca che prenotare una tac. E così chi ha paura di vivere è servito. Il gioco d’azzardo cresce in modo spaventoso. E la crisi economica e sociale non farà altro che alimentarlo. Così chi ha il terrore di non riuscire a pagare le bollette ha la sua effimera e drammatica valvola di sfogo. “Viviamo in un mondo governato dalla paura. La paura comanda ed il potere alimenta la paura. Che ne sarebbe del potere senza la paura?” scrisse Eduardo Galeano ne “El Miedo manda” (La Paura comanda”). La politica, se fosse seria, dovrebbe, oggi più che mai, occuparsi del contrasto alla diffusione della paura. Sarebbe molto più saggio che prendere a modello la società nordamericana.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ciao Willy, giustizia è fatta: ora ti ritroveremo in ogni giovane che avrà i tuoi occhi pieni di desideri e speranze (di R. Pegna)
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ciao Willy, giustizia è fatta: ora ti ritroveremo in ogni giovane che avrà i tuoi occhi pieni di desideri e speranze (di R. Pegna)
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Opinioni / Medioevo americano: se a mettere in discussione i diritti delle donne sono gli uomini (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera a tutte le comunità albanesi in Italia e in Europa (di A. Likmeta)
Opinioni / “Io, bollata come filo-putiniana da un parlamentare del Pd. La mia colpa? Aver fatto solamente il mio lavoro” (di V. Petrini)
Opinioni / “Si vince restando in piedi mentre gli altri cadono”: Tommasi ha fatto suo il teorema di Steven Bradbury (di L. Telese)
Opinioni / In ricordo di Gianluca Gasbarri: il fotografo che sapeva cogliere l’attimo attraverso il suo obiettivo
Opinioni / Ma a vincere è ancora una volta l’astensione: così il partito del non voto azzoppa la democrazia (di M. Ainis)