Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Ecco i Salvinian-chic, i radical chic di sinistra che rimpiangono Salvini e attaccano il governo PD-M5S

 

Ecco i Salvinian-chic, i radical chic di sinistra che rimpiangono Salvini e attaccano il governo PD-M5S

Per capire questa nuova stagione politica non si può prescindere da una nuova categoria antropologica che furoreggia nei media e nel dibattito: il Salvinian chic, più semplicemente detto Salvi-chic. Il salvi-chic è ovunque, a sinistra, nei bar come nel gruppo Espresso, ed è quella curiosa razza di progressista che rimpiange Matteo Salvini, si danna per la sua mancata vittoria.
Nulla di male se a farlo sono gli esponenti e gli elettori della Lega, che ne hanno tutti il diritto, più curioso è, se a farlo, sono coloro che fino a ieri ci spiegavano che in Italia c’era il rischio dittatura.

Il Salvi-chic è un campione del “tanto peggio tanto meglio”, ed infatti due dei fuoriclasse di questo sport, i miei amici Massimo Giannini e Alessandro De Angelis secondo me non credono fino in fondo a quello che dicono, perché sono troppo intelligenti. Tuttavia il Salvi-chic non è benedettino, ma debenedettino, nel senso dell’ingegner Carlo De Benedetti, gran maestro di questo singolare ordine opinionistico-monastico. Solo che l’ingegnere, che ha tutto il diritto ad avere le sue idee, non chiede a loro il voto di obbedienza.

Il salvinian chic fa finta di non vedere quello che è cambiato: fa finta di non vedere che ieri piangeva per i porti chiusi e ora i porti sono aperti, fa finta di non vedere che prima si giocava l’azzardo mediatico sulla pelle dei disperati, e che ora – grazie alla saggezza di Giuseppe Conte e Sergio Mattarella – al Viminale siede una signora che non ha l’account Twitter, e degli sbarchi (che sono più o meno gli stessi di prima) non si parla più come se fossero una emergenza nazionale. Il Salvi-chic che prima, per obbedienza di partito, non diceva una parola sul trasformismo (quello si, e innegabile) di Angelino Alfano, adesso dice – non a caso in coro con Salvini – che il trasformista sarebbe Conte (ma Conte – al contrario del Ncd non ha mai portato i suoi voti in uno schieramento, dopo essere stato candidato in un altro).

Il Salvinian chic avrebbe voluto le elezioni anticipate, perché – spiega – “tanto la Lega vince comunque” (cosa che ovviamente non è vera). E mentre i leghisti, che capiscono la politica, si leccano le ferite e sono tutti abbacchiati per il fallimento del blitz-krieg del Papeete, loro sono lì a spiegarti che la mossa perfetta di Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio è stata un errore drammatico. Il Salvi-chic è ricco, o benestante: diceva di essere con il cuore sui gommoni, ma che adesso non ci siano più disperati in mezzo al mare che sono oggetto di ricatto nulla gli importa.

E nemmeno prende in considerazione il fatto che prima il dibattito fosse sui nuovi condoni, mentre adesso è sul finanziamento della ricerca e della scuola: tutto questo non lo tange, perché è di quelli per cui se qualcosa lo fa la sinistra non è mai abbastanza, perché se sei fuori dall’Ordine Debenedettino non ha nessun valore. Al salvi-chic che ci siano ministro come Provenzano e Boccia che parlano di investimenti al Sud e coesione territoriale invece che di autonomia e secessione non importa, tanto lui è di quelli che -chiunque governi – stanno belli tranquilli dentro il cerchio sacro del loro Ztl.

Il Salvinian chic da un lato dice che Salvini è un mostro, un nuovo duce (e ovviamente non è vero nemmeno questo), dall’altro non ha mai smesso di incensarne le sue doti di capo e di leader: demonizzazione apologetica. Ed ecco il motivo di questo apparentemente illogico paradosso: il Salvi-chic ha una identità debole, vuole vendere opinioni, o copie, e pensa che sia meglio avere un grande nemico che un solido governo che prova a far pagare le tasse. O anche – orrore – a mettere una imposta sulle bibite dolcificate o sui processi industriali inquinanti. Perché il salvi-chic vuole commuoversi per Greta, ma senza rinunciare a nessun consumo. Vuole proclamare la sua identità, ma non vuole sporcarsi le mani quando il conflitto tra modernità e conservazione, come accade in questi tempi, impone delle scelte scomode e obbliga a ripensare le scelte strategiche e la propria identità.

Qui la puntata di Otto e mezzo di ieri, 27 settembre 2019:

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)