Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Le roccaforti elettorali non esistono più. Oggi il voto è post ideologico (di S. Mentana)

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

L'editoriale del vicedirettore di TPI Stefano Mentana sul quarto numero del nostro nuovo settimanale

Quel tempo in cui si sceglieva un partito e lo si votata vita natural durante, salvo magari concedersi qualche giro di valzer con qualche altro contrassegno, è finito, così come finito è quel tempo in cui il figlio del comunista votava comunista e quello del democristiano votava democristiano, salvo qualche atto di ribellione domestica.

Le ultime elezioni amministrative altro non sono che l’ultimo tassello che ci mostra quanto post-ideologica sia diventata la politica, e quanto un elettore, che si definisca di sinistra o di destra, valuti uno spettro ben più ampio di possibilità. Compresa tuttavia l’astensione, visti i magri dati sull’affluenza. Basta vedere Milano, una città appena l’altro ieri roccaforte del centrodestra berlusconiano, considerata inespugnabile fino alla clamorosa vittoria di Giuliano Pisapia nel 2011, in cui domenica scorsa ha prevalso Beppe Sala con percentuali che sembrano più consone al rosso Mugello.

Un flusso di voti così rapido nella prima repubblica sarebbe stato quanto mai insolito, ma non certo oggi: è stato detto e ridetto come a Roma i quartieri popolari a est del centro, che formavano la cosiddetta cintura rossa, si sono nel tempo spostati a destra con incursioni verso i Cinque Stelle, così come i Parioli, ex roccaforte delle destre, sono oggi un feudo del Pd. Ed è così che nei due municipi centrali di Roma, quelli dove il reddito medio è più alto, lo scontro all’ultimo voto non è stato tra Gualtieri e Michetti, ma tra Gualtieri e Calenda, una specie di derby interno al centrosinistra che ricorda più delle primarie che un’elezione per il sindaco.

Tali cambiamenti della mappa elettorale che possono riflettere i mutamenti sociali ed economici o la scelta giusta o sbagliata di un candidato, riflettono anche una società sempre più rapida quanto polarizzata, in cui la longevità del consenso di un leader o partito del momento si fa sempre più sfuggente. Pensiamo al Pd di Renzi, passato in pochi anni dal 40 per cento alle europee del 2014 al 18 delle politiche del 2018, le stesse in cui i Cinque Stelle ottennero il 32 per cento, salvo poi crollare al 17 alle europee dell’anno successivo. Le stesse europee in cui Salvini fece arrivare la Lega a uno storico 34 per cento, percentuale che qualche mese dopo avrebbe iniziato, sondaggi alla mano, una notevole flessione dopo la crisi del Papeete. Se l’elettorato si fa sempre più volatile è proprio perché, caduta la contrapposizione tra i blocchi, ai problemi non si risponde più con modelli sociali ed economici, ma con soluzioni che, valide o meno, non hanno sempre il peso di un’ideale alle spalle.

Il tutto in una società che si fa sempre più rapida, favorendo contrapposizioni e lasciando che anche le idee durino quanto le interazioni che ricevono sui social: non c’è da stupirsi che tale velocità trovi riscontro anche nella cabina elettorale.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)
Opinioni / Quello della Polonia è un attacco allo stato di diritto che l’Unione Europea non può ignorare
Opinioni / Un patto con voi lettori (di Giulio Gambino)
Opinioni / Tutti lavorano alle elezioni anticipate ma nessuno lo dice: le danze avranno inizio col nuovo Capo dello Stato