Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Altro che dittatura sanitaria, ribelliamoci allo Squid Game del web

Immagine di copertina

I vaccini e il green pass limitano la nostra libertà? Forse, ma mirano al bene comune. E a quante altre rinunce siamo obbligati ogni giorno?

Credo che la risposta ai no vax o ai no green pass sia molto semplice: da un lato sono piccole restrizioni, dall’altro sono rivolte alla difesa della salute pubblica. Dunque, questi sacrifici mirano al bene comune. Ma, guardando alla vita quotidiana, a quante altre rinunce siamo obbligati? Con due differenze: da un lato, tutto accade in modo inavvertito; dall’altro, il loro scopo consiste nel mero arricchimento di privati che rubano il nostro tempo impunemente. Qualche giorno fa, ad esempio, volevo acquistare un biglietto aereo. Vado sul sito e inizio il lungo lavoro di compilazione, finché la pagina si blocca. Cambio sito e ripeto la trafila: nuovo blocco. Anche il terzo tentativo sembra fallire, ma a forza di cliccare riesco a andare avanti. Ormai sembra fatta, quando ecco che, arrivato al pagamento… Forse è un problema generazionale. Fatto sta che, quando è questione di carte di credito, io, 64enne, mi paralizzo, perché so già che qualcosa andrà storto. Profezie che si autorealizzano.

Siamo onesti, però: quando vi chiedono il numero della carta e poi il pin, voi che pin gli dareste? Io gli ho dato quello della carta, che è stato rifiutato per tre volte, fino al blocco della medesima. Ho deciso di ritentare, ripiegando sulla carta di mia moglie. Dopo diverse prove andate a male, giunge il momento di saldare l’importo. E qui, un’altra sorpresa: nel giro di nemmeno un quarto d’ora i posti a disposizione si sono dimezzati, e il loro prezzo è salito di un terzo. In compenso, ho scoperto l’arcano: accanto al numero della carta, viene chiesto sì il pin, però quello della banca! Sarebbe come se qualcuno vi domandasse l’indirizzo di casa e poi il cap, ma riferendosi al cap del vostro ufficio. Qui non si tratta di essere nativi digitali, bensì di non essere imbecilli. Possibile che in una società tutta basata su comunicazione ed ergonomia, il programmatore del sito non si sia posto una domanda simile? Esigi di sapere giorno e mese della mia nascita, e poi, di colpo, arrivato all’anno, pretendi di ricevere quello di mio fratello: ma sei incapace, sadico o entrambe le cose? Intanto anche la carta di mia moglie veniva rifiutata, in questo caso perché, dato che tardava ad arrivare il secondo otp (la password spedita via cellulare), ho continuato a usare il primo.

«Ma cos’è, un gioco a premi?», ho pensato. E subito dopo ho capito che, in effetti, proprio di un gioco si trattava: una specie di Squid Game, quello narrato nella più celebre serie tv di sempre. Certo, qui non viene ucciso nessuno ma, mentre quei concorrenti scelgono di partecipare liberamente, io vi sono stato costretto. Il che costituisce una bella differenza. Morale: sono un utente fatto schiavo e, dopo un pomeriggio di sconfitte, mi sono sentito umiliato come quei pensionati che cadono vittime di qualche truffatore. Basta! Reagiamo! Consumatori di tutto il mondo, unitevi!

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La mancata candidatura di Conte apre le prime crepe nel Pd: Letta di nuovo nel mirino dei dem
Opinioni / Vademecum per capire la crisi al confine tra Polonia e Bielorussia
Opinioni / Il curioso caso di Renzi e Calenda: sono fuori dal Pd, ma pretendono di mettere bocca sulle candidature dei dem
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La mancata candidatura di Conte apre le prime crepe nel Pd: Letta di nuovo nel mirino dei dem
Opinioni / Vademecum per capire la crisi al confine tra Polonia e Bielorussia
Opinioni / Il curioso caso di Renzi e Calenda: sono fuori dal Pd, ma pretendono di mettere bocca sulle candidature dei dem
Opinioni / Il PD è davvero pronto a un bagno di sangue in nome di Giuseppe Conte? (di S. Mentana)
Opinioni / Italia Viva non vuole il contributo di solidarietà perché punisce i ricchi, ma la realtà è che odiano i poveri
Opinioni / Conte pronto a un passo indietro: l’ex premier convinto che la sua candidatura a Roma sia una trappola
Opinioni / Gli Stati Uniti non hanno ancora fatto i conti con il razzismo (di A. Stille)
Opinioni / Letta è pronto a “derenzizzare” il Pd: l’indiscrezione dal Nazareno
Opinioni / Il mio ritorno a Parigi due anni dopo (di V. Magrelli)
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)