Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)

Immagine di copertina

Ormai completamente saturo di serie tv, chiedo consiglio a un amico cinefilo su qualche film. Ed ecco la scoperta: addirittura gratis, su YouTube c’è una pellicola in bianco e nero ambientata tra le macerie di una Genova uscita dalla Seconda guerra mondiale, Le mura di Malapaga (Au-delà des grilles), diretto nel 1949 da René Clément. Sottraendosi alla giustizia francese, Pierre (un maturo e irresistibile Jean Gabin) sbarca in città da clandestino. Sceso per il dolore di una carie, incontra una bambina che lo guida prima da un dentista, poi nella trattoria dove lavora sua madre Marta (una intensa Isa Miranda). La donna è separata da Giuseppe (Andrea Checchi), marito brutale che la perseguita per portarle via la figlia. Tra la cameriera e il forestiero scocca la passione, finché… Sceneggiato dal produttore Alfredo Guarini, marito di Miranda, con Cesare Zavattini e la giovane Suso Cecchi D’Amico, l’opera – spiega il Dizionario Morandini – è un curioso incrocio tra la tematica del cinema francese prebellico (il destino, un amore impossibile, il personaggio mitico del viaggiatore) e il contesto italiano, non senza influssi neorealistici: basti pensare al condominio dove vivono madre e figlia, con la vicina di casa interpretata da Ave Ninchi. Gli interni furono girati a Roma, mentre gli esterni si svolgono lungo le storiche mura di Genova, intorno all’antica piazza Cavour.

Ebbene, presentato in concorso al Festival di Cannes del 1949, il film vinse sia il premio per la migliore regia, sia quello per la migliore interpretazione femminile, e nel 1951 si aggiudicò addirittura l’Oscar come migliore film straniero. A questo punto, ogni lettore si domanderà: al di là dei suoi indubbi meriti, perché tirare fuori questo lavoro vecchio di settant’anni? Semplice, perché il motivo che fa di Jean Gabin un ricercato è ciò che oggi chiamiamo “femminicidio”. Il nostro eroe, difatti, ha ucciso la propria amante, una ragazza di 22 anni che aveva l’inaudita pretesa di lasciare il grand’uomo per un giovane coetaneo! Quando arriva la confessione, siamo a metà della storia, e la frittata è fatta: naturalmente tutti noi spettatori abbiamo preso le parti del latitante e detestiamo gli odiosi poliziotti che gli danno la caccia. Marta, per prima, lo capisce e lo apprezza: come potrebbe essere diversamente? Come non ammirare qualcuno che, ferito nell’onore in modo intollerabile, si è vendicato? Tutti lo compiangiamo, maledicendo il destino che obbliga un povero innocente a fuggire da un editto crudele. Poi mi sono svegliato, risvegliato dal film come da un incubo, per ritornare nel 2021. Con un sospiro di sollievo, mi sono detto che oggi, per fortuna, una trama del genere sarebbe inammissibile. Viviamo giorni difficili, è indiscutibile, ma certe forme di barbarie, almeno, le abbiamo abbandonate. Non compatiamo più chi ha ucciso una donna. E ne ho gioito a lungo.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Nell’Afghanistan dei talebani anche le banche sono al collasso (di W. Samadi)
Opinioni / Monti, Giorgetti & Co: quelli che preferiscono Draghi alla democrazia
Opinioni / Il capitalismo ci annulla come individui: ecco come sfuggire a un sistema che ci rende infelici
Opinioni / “Caro Draghi, ho due case e guadagno bene: mi spiega perché deve abbassare a me le tasse e non ai più poveri?”
Opinioni / Il successo ha fallito (di G. Gambino)
Opinioni / Dopo il ddl Zan, la nuova maggioranza Italia Viva-centrodestra affossa anche la legge anti-lobby
Opinioni / Dopo Draghi, il dibattito e il conflitto politico riprendano a innervare l’Italia
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)