Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il martirio di un transessuale (di V. Magrelli)

Immagine di copertina

Il nome di Montaigne da noi non è famoso quanto dovrebbe essere. Eppure c’è chi lo ha considerato l’equivalente francese di Dante. Logico che l’Einaudi abbia pubblicato un bel saggio su di lui, “L’istante e la libertà”, di Rachel Bespaloff. Il vertice della sua opera sono i “Saggi”, che nella seconda metà del Cinquecento fondano addirittura un vero e proprio genere letterario. Io li venero, e tuttavia, confesso, avevo sinora ignorato il suo “Viaggio in Italia”.

Detto fatto: approfittando della prima quarantena, ho cominciato a leggerlo con gioia. Partito da Bordeaux, Montaigne setaccia Francia e Svizzera alla ricerca di terme e acque capaci di guarirlo dai calcoli renali. Ma questa spedizione terapeutica, con quattro amici e vari servitori, è in realtà l’occasione per studiare le culture che incontra, comparandole con la propria. «Per saggiare fino in fondo la diversità di costumi e maniere», racconta infatti, «il signore di Montaigne si lasciava servire ovunque al modo di ogni paese, qualsiasi difficoltà ciò comportasse».

Come ci si saluta, come ci si veste, come si prega, come si beve: per questo pioniere dell’etnografia, non esiste dettaglio privo di valore. Finché, dopo poche pagine, il lettore si imbatte in due stupefacenti storie di carattere sessuale. Una riguarda il caso di “Marie la barbuta”, una ragazza che, per via della peluria sul mento, aveva ricevuto tale soprannome. Ebbene, un bel giorno, a causa di uno sforzo, «i suoi attrezzi virili si produssero», per una specie di estroflessione. Senza troppi problemi, il vescovo la ribattezza Germain, mentre in paese inizia a circolare una canzone che raccomanda alle donne di non affaticarsi troppo, per evitare di diventare maschi.

Rispetto a questo esempio di ermafroditismo, assai più tragica è la seconda vicenda. Ecco i fatti: negli anni precedenti, sette o otto ragazze dei paraggi avevano deciso di vestirsi da maschi, «e continuare così la loro vita nel mondo». Uno di loro (uso il maschile per rispettarne la scelta) si stabilì come tessitore nel paese. Amico di tutti, si fidanzò con una ragazza, anche se poi non concluse il matrimonio. Trasferitosi poco distante, si sposò con un’altra donna. Vissero insieme per quattro o cinque mesi, finché qualcuno lo riconobbe, trascinandolo davanti a un tribunale. Qui venne condannato all’impiccagione per «invenzioni illecite a supplire al difetto del suo sesso». Montaigne però aggiunge: «Ma lei diceva che preferiva soffrire, piuttosto che tornare nello stato di fanciulla».

Ecco, queste parole mi hanno profondamente turbato. Preferire un’orribile morte, rispetto alla prospettiva di dover tornare a una condizione faticosamente lasciata, mi pare una testimonianza altissima, toccante. C’è solo una parola per commentare un simile dramma: martirio. Montaigne narra il martirio e la fierezza di un transessuale, ucciso nell’Europa delle streghe e dell’inquisizione.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)