Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

La fine del sovranismo in Italia e il tramonto di Salvini

Immagine di copertina

In Transatlantico raccontano così la fine del sovranismo in Italia: “La prima botta Salvini l’ha presa con il Papeete, la seconda con il covid e la terza, quella definitiva, con la guerra dell’amatissimo Putin”. Insomma, un terremoto. In casa Lega non sanno più se Salvini sia ancora un punto di forza o piuttosto non sia diventato il vero punto di debolezza del partito: “Ormai parla come il Papa ma dovrebbe ricordarsi che lui non ha l’autorevolezza di Francesco ed in quanto politico e capo di un partito dovrebbe concorrere a trovare delle soluzioni concrete per risolvere il problema del conflitto. Non può limitarsi a fare il pacifista e ad esecrare le bombe”. Sembra un figlio dei fiori: “Le bombe non fermano le bombe, i razzi non fermano i razzi e al nucleare non si risponde con il nucleare”.

All’estero, poi, il capitano è “bruciato”, il suo nome non è più spendibile in nessuna capitale: la sua vicinanza a Putin e gli attacchi che ha ricevuto in giro per l’Europa lo rendono “unfit” agli occhi di tutti i palazzi del potere che contano. Nessuno vorrà più sedersi a trattare con lui. Questa è l’aria che tira in casa Lega dove sono tutti terrorizzati per i sondaggi che vanno sempre più giù (ormai il partito è un soffio dal 15%) e per il fatto che con il taglio dei parlamentari alle prossime politiche molti dovranno rinunciare all’amato seggio romano. Che fare dunque? C’è chi sta già pensando ad un piano b: una “bolla” da stringere intorno al leader leghista. Non appena il partito starà tra il 10 e il 15%, scatterà l’operazione per salvare il salvabile.

Il leader verrà “commissariato”, gli verranno imputati tutti gli errori commessi negli ultimi anni e pur non potendolo cacciare (la cosa sarebbe possibile solamente con un congresso dopo le elezioni politiche) faranno di tutto per stringere attorno a lui una segreteria il più possibile allargata ed autorevole che lo “aiuterà” nelle decisioni più importanti. Il capitano, quindi, verrà “blindato”: “Non è più in grado di guidare il partito”, il refrain che comincia a circolare tra la base leghista. Altro motivo di grande sofferenza in via Bellerio è l’ascesa nei sondaggi di Giorgia Meloni: in caso di vittoria del centrodestra alle prossime politiche (sempre che il centrodestra si presenti compatto) appare molto probabile che sarà lei a prendere il posto di Mario Draghi. Uno smacco in più per il capitano leghista e per tutto lo stato maggiore del Carroccio che da anni assaporavano il momento della vittoria e che invece potrebbero ritrovarsi a fare da portatori d’acqua alla Giorgia nazionale.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)