Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

L’ipocrisia della politica che applaude Papa Francesco per le sue parole sui migranti e poi finanzia i lager libici

Immagine di copertina

Forse Papa Francesco ospite ieri alla trasmissione Che tempo che fa di Fabio Fazio aveva dato per scontato che l’ipocrisia sia un peccato orribile e schifoso. Invece avrebbe fatto bene a ripeterlo e varrebbe la pena scriverlo dappertutto oggi, scriverlo anche sui muri, mentre siamo sommersi dagli applausi scroscianti della politica che applaude il Pontefice dimenticando di essere il peccatore della sua parabole.

Papa Francesco ha usato la parola che tutti temono di usare per i centri di detenzione libici che servono da tappo per l’Europa: lager. Li ha chiamati lager perché effettivamente, come nei lager che furono, lì dentro vengono ammassati uomini, donne e bambini che perdono completamente la propria identità, che vengono sottoposti ad abusi e violenza, che valgono solo per i soldi che riescono a spillare i loro carcerieri, che non hanno nessuna possibilità di ritorno e che trovano troppo spesso la morte.

Solo che i lager che ieri hanno spremuto qualche lacrimuccia d’ordinanza da parte della politica li paghiamo noi, noi con i nostri soldi, noi con quel terribile Memorandum tra Italia e Libia che ha compiuto 5 anni da pochi giorni e che ha attraversato indenne governi di centrodestra e governi di presunto centrosinistra, ministri dell’Interno che del razzismo ne hanno fatto un marchio e quelli che invece da “belli, buoni e bravi” travestiti da progressisti si dichiarano antirazzisti e poi il razzismo lo praticano senza strombazzarlo sui social. I lager libici hanno il marchio di Minniti, di Salvini, di Lamorgese e si portano addosso il timbro dell’Europa. Siamo gli ideatori, i fiancheggiatori, i finanziatori di questa moderna Shoah.

È vero che ieri Papa Francesco ha avuto il coraggio in una trasmissione in prima serata di dare il giusto nome alle cose (e quando almeno le chiamiamo per nome le situazione cominciano ad esistere) ma è vero che se noi fossimo un Paese cattolico come molti si professano, se fossero cattolici quei capipartito che sventolano il rosario per mungere voti, se fossero cattolici i milioni di italiani che si scandalizzano per una scena di un cantante a Sanremo allora oggi avremmo dovuto assistere a un’esplosione di vergogna, oggi dovremmo scorgere un silenzio pentito e dolente invece di questa baldoria che applaude Francesco e che non si rende conto di violare la sua dottrina giorno per giorno.

I partiti che sono al governo (praticamente tutti) sono gli stessi che finanziano i lager e che addirittura addestrano i moderni kapò. Ieri Papa Francesco ha polverizzato la credibilità da “bravi cristiani” di buona parte della classe dirigente di questo Paese, gli stessi che si accapigliano per il presepe e che si scandalizzano per un bacio tra due uomini.

L’intervista di Papa Francesco, che si sia laici o fedeli, ha smutandato l’Italia e la classe politica che lo applaude cretina. Sono gli assassini e chiedono giustizia. Abbiate un minimo di dignità: tacete.

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)