Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Il potere logora chi ce l’ha, compreso Draghi

Immagine di copertina

Dopo poco più di un anno al governo il "Whatever it takes" non tira più. Dalla pandemia alla guerra, l’immagine di SuperMario è sempre più sbiadita. È la storia che si ripete da Berlusconi in poi

Quando diceva che il potere logora chi non ce l’ha, Giulio Andreotti aveva torto. Ne abbiamo avuto innumerevoli prove in questi ultimi decenni, basta ripensare ai diversi premier che sono caduti in disgrazia dopo essere stati all’apice della carriera, da Prodi a Berlusconi, da D’Alema a Monti, da Conte a Renzi. E oggi la storia si ripete con Draghi, che non è ancora caduto in disgrazia ma è sulla buona strada: certo non è più l’uomo che solo un anno fa veniva chiamato SuperMario. Per molti mesi, al nostro premier bastava un gesto, un’alzata di sopracciglio, un sorriso ironico per rimettere a posto i partiti della sua maggioranza, che magari borbottavano, scalpitavano, mostravano insoddisfazione per questo o quell’altro provvedimento del governo.

Ma alla fine si rimettevano in riga, non c’era discussione, non si muoveva foglia che il premier non volesse. E la maggioranza degli italiani gradiva e approvava: «Meno male che Mario c’è».Ma oggi, oggi c’è ancora il salvatore del Paese? L’uomo che quando era presidente della Bce ci ha tirato fuori dalla crisi economica con il suo famoso whatever it takes, ovvero tutto ciò di cui c’è bisogno, e poi da premier ha messo in campo una poderosa campagna vaccinale, accompagnata da provvedimenti capaci di aiutare gli italiani a risollevarsi dalla pandemia e dagli effetti nefasti che essa aveva provocato sulla loro vita. Non che il problema sia risolto, il virus ancora circola e i soldi non tanto, tuttavia la situazione è sicuramente migliorata rispetto all’anno scorso.Invece Draghi è peggiorato, oggi appare appannato (e non per il Covid che lo ha colpito), sembra che abbia perduto quel carisma e quella capacità di governare il Paese, e soprattutto i partiti che lo sostengono ancora.

Prima ha sbagliato la mossa nella partita del Quirinale, candidandosi in maniera ambigua e senza neanche riuscire a farsi eleggere, ma indebolendo sé stesso e il suo governo. Poi si è gettato a corpo morto nella guerra ucraina, dimostrando una totale assenza di autonomia dagli Stati uniti. Infine – e siamo alla cronaca di questi giorni – lo vediamo barcamenarsi tra le richieste contrapposte delle forze politiche, dal fisco alla giustizia. D’altra parte, la fine della legislatura si avvicina, dunque i partiti hanno bisogno di marcare il loro territorio per guadagnare più voti possibili.

Draghi invece non ha territori da marcare, non ha intenzione di candidarsi, non vuole fare come Monti, non ha deciso cosa farà da grande e non conosce tanto bene l’arte della politica. Così si limita a vivacchiare, aspettando di uscire da palazzo Chigi, logorato dal suo stesso potere.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)