Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Da Draghi a Salvini: la figuraccia dei politici italiani sulla guerra in Ucraina

Immagine di copertina

Ci sono, in questa settimana di immagini di guerra a flusso continuo, 120 secondi da cineteca. Sono quelli che devastano, peggio di un bombardamento, la carriera di un politico. La scena del Matteo Salvini, con giubbotto sponsorizzato (stile Formula Uno), martirizzato in diretta da Wojciech Bakun, un sindaco nazionalista polacco (più a destra e più sovranista di lui) nel periferico paesino di Przemysl (confine con l’Ucraina), rasenta il martirio mediatico. «Io non la ricevo!», grida l’omone, sbattendogli letteralmente in faccia una t-shirt di Putin identica a quella che il leader della Lega esibì in un indimenticato scatto sulla piazza Rossa. «Metta questa maglietta e si affacci sul confine» (un invito al cecchinaggio). Segue il coro «Buffone! buffone!», intonato da fotografi italiani e pubblico polacco. Salvini accusa il colpo, quasi balbetta: «We help children…». Galeotto fu il selfie, una vera nemesi, l’atto di morte del putinismo padano.

Ma gli altri? Nell’angolo buio sulla Russia (e sull’invasione dell’Ucraina), non c’è solo il leader della Lega. In Italia anche le altre forze sono – per motivi diversi – afone, divise o attonite. Muto Mario Draghi, generosamente dipinto dai nostri media come nuovo padrone dell’Europa: cancella il suo viaggio a Mosca e poi si accoda ad ogni passo della Nato (al suo confronto Macron pare Bismarck). In difficoltà Di Maio (bacchettato da Lavrov, e imbarazzato per una ingiuria canina su Putin ospite di Myrta Merlino). In tilt il M5S, che fino ad un anno fa organizzava viaggi a Mosca e oggi è imbarazzato dal caso del presidente di commissione Vito Petrocelli, fedele alla vecchia linea e contrario all’invio di armi. Conte eclissato. Berlusconi, memore del lettone di Putin, inseguito dalle foto incolbaccate con Vlad, è desaparecido.

Meloni, forte dell’alleanza con i conservatori polacchi, è riuscita in una strambata di 180 gradi. Calenda e Bonino, per alcune parole di insospettabile buonsenso, sono accusati di filo-putinismo. Bersani è per la pace, ma-anche per l’invio delle armi, Fratoianni isolato. Letta viene bersagliato dai pacifisti – da sinistra – per le parole durissime e atlantiste: «Voglio le sanzioni più dure possibili». A preoccuparsi della dipendenza energetica da Mosca (che forse meriterebbe più attenzione) è rimasta solo la satira. Su tutte due zampate. Osho, con la foto di Draghi che sorride: «Regà nella quarta dose c’è sta er metano…». E il definitivo Spinoza: «Buongiorno, sono Silvia di Eni carbone e luce». Auguri.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)