Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

La guerra alla droga è fallita (di Leonardo Fiorentini)

Immagine di copertina

Il proibizionismo si è rivelato inefficace nel contrasto al traffico illegale di stupefacenti. Così sempre più Paesi sperimentano soluzioni alternative. Il saggio dell'autore del libro "Onda Verde" Leonardo Fiorentini

Quest’anno sono 50 anni dal lancio da parte di Richard Nixon della Guerra alla droga, il “nemico pubblico numero uno” della società. Non sono bastate le cicliche ondate repressive globali: dopo la war on drugs di Nixon, il Just say no di Ronald e Nancy Reagan e la tolleranza zero di Giuliani; neppure la militarizzazione della repressione con il Plan Colombia di Clinton e le eradicazioni forzate in Afghanistan hanno ottenuto un qualsiasi risultato.

Secondo le stime un quarto delle entrate complessive della criminalità organizzata proviene dal narcotraffico. Nel 2018 il fatturato del mercato globale viene stimato tra i 426 e i 652 miliardi di dollari. Ben oltre la metà dei profitti vengono riciclati: di questi, meno dell’1 per cento viene sequestrato. Il proibizionismo ha fallito. Mai come oggi il mercato delle droghe illegali è ampio e variegato, pervasivo delle economie di interi stati e causa di instabilità politica e insicurezza. Ai potenziali danni delle sostanze “controllate” si sommano i danni certi della repressione…

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI, clicca qui.
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini