Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Il governo nega il Green Pass ai vaccinati con ReiThera che si sono messi al servizio della scienza. “Trattati come no vax”

Immagine di copertina

Prima gli hanno chiesto di sperimentare il vaccino ReiThera a servizio della scienza, poi li abbandonano al loro destino nemmeno fossero No Vax, senza che possano ottenere il Green Pass

Se non fosse stato per lo sfogo di Riccardo Illy, noto imprenditore del caffè, probabilmente il problema dei vaccinati con ReiThera sarebbe rimasto confinato nell’indifferenza generale. Sarebbe interessante capire come sia possibile questa mancanza di rispetto per novecento cittadini italiani (fra i quali appunto Illy e la moglie). E non italiani a caso, ma 900 tra donne e uomini che rischiando anche del loro hanno accettato di mettere a disposizione il proprio corpo, il proprio organismo, le proprie difese immunitarie e rendere possibile il progetto sanitario di ReiThera.

ReiThera è stato fino a giugno l’esperimento per la scoperta di un vaccino anche in Italia con risultati certificati che parlano chiaro: chi si è sottoposto al test ora ha una quantità di anticorpi rilevante. E tanti anticorpi vuol dire aver acquistato un grado di protezione per sé e verso gli altri sufficiente a permettere uno stile di vita uguale a chi si è vaccinato con Pfizer o Moderna. E invece che fa lo Stato italiano? Come le ringrazia le 900 “cavie” che con coraggio e senso di altruismo si sono messe al servizio della scienza? Nega loro il Green Pass.

In una circolare del ministero della Salute la carta verde è concessa solo a chi si è immunizzato con i vaccini riconosciuti dall’Ema, tra cui non è presente quello made in Italy. Una cosa che viene difficile da spiegare e che avrà delle inevitabili conseguenze, perché sono i precedenti a determinare i comportamenti futuri.

Sarà ancora così facile di fronte a un’altra emergenza che richiederà altri volontari, trovare persone disposte a essere trattate in questo modo? Il ministero della Salute italiana equipara nei fatti chi ha fatto ReiThera a un no vax. E da domani con l’introduzione obbligatoria del Green Pass in molti esercizi commerciali oltre che per i viaggi a lunga percorrenza, “le cavie” dovranno esibire tamponi rapidi continui per non vedersi chiudere le porte in faccia. Davvero un bel modo di far sentire la gratitudine del Paese a chi ha rischiato di suo per il bene della collettività e non rappresenta in alcun modo un rischio per la stessa.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Basta armi: serve un’Europa non allineata (di Yanis Varoufakis)
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Basta armi: serve un’Europa non allineata (di Yanis Varoufakis)
Esteri / Due anni di guerra e un’America sempre più lontana: l’Europa è al bivio
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori
Opinioni / Ilaria Salis va difesa. Ma non dimentichiamo le nostre ingiustizie
Opinioni / La colpa è sempre del padrone? Perché sui cani che uccidono la questione è prima di tutto culturale
Opinioni / Pace e reddito: così la Sinistra tornerà credibile (di F. Dolce)
Opinioni / A Sanremo le parole contano
Opinioni / Solidarietà a Israele sì, ma ai palestinesi no: la Rai a Sanremo mostra il peggio di sé
Opinioni / La chiamata dei riservisti e un mondo sempre meno sicuro
Esteri / La furia di un solo uomo infiamma il Medio Oriente e l’Europa: Bibi Netanyahu