Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Un golpe bianco alla faccia della Costituzione (di Riccardo Barenghi)

Immagine di copertina
Credits: ANSA/QUIRINAL PRESS OFFICE

Se un premier lascia, il governo cade. Qui invece si ipotizza una sua investitura divina al Quirinale

Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano, e stavolta la formica si chiama Massimo DAlema. Che non è un insetto, ma conosce la materia della politica. E allora come dargli torto quando dice che il renzismo è stata una malattia terribile, da cui il Pd è guarito da solo?

Semmai ci sarebbe da discutere sulla avvenuta guarigione, ma questa è unaltra storia. Invece non c’è alcun dubbio sulla seconda incazzatura della formica, peraltro ex leader della sinistra italiana ed ex premier, quando parla di Mario Draghi possibile Capo dello Stato e denuncia «la campagna culturale che accompagna loperazione… la necessità di sospendere la democrazia e affidarsi a un potere che altro non è se non quello della grande finanza internazionale». E ancora: «Lidea che il premier si auto-elegge Capo dello Stato e nomina al suo posto un alto funzionario del ministero dellEconomia mi pare non adeguata per un grande Paese democratico come lItalia».

E qui DAlema è stato fin troppo gentile, altro che idea non adeguata. Se sul serio accadesse che Draghi venisse eletto al Quirinale e fosse sostituito da una sua controfigura, ci troveremmo di fronte a un golpe bianco. Alla faccia della Costituzione, e della democrazia parlamentare, anzi della democrazia tout court. In un Paese normale (vecchio sogno mai avveratosi dello stesso DAlema), se un premier lascia la sua carica, il governo cade. E allora toccherebbe al Parlamento provare a far nascere un nuovo esecutivo con un nuovo Capo, ammesso che la vecchia maggioranza resti in piedi.

Invece qui si ipotizza una sorta di investitura divina da parte di Draghi. Che oltretutto dirigerebbe dal Quirinale il governo affidato da lui stesso a un suo fedelissimo, sotto legida dellEuropa (ma cos’è lEuropa?) e delle potenti istituzioni internazionali. E noi, noi cittadini che abbiamo eletto i nostri rappresentanti? E gli stessi parlamentari che ruolo avrebbero? Usi a obbedir tacendo e tacendo morir”, come recitava il vecchio motto dei carabinieri?
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)