Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Fascio, inquisito e senza voti: chi più di Lotito merita il Senato? (di Riccardo Barenghi)

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Gli ultras lazialistamparono adesivi di Anna Frankcon la maglia della Roma. E lui intercettato mentre andava in Sinagoga diceva: «Annamo a fa’ sta sceneggiata»

Diciamocelo francamente: ha ragione Claudio Lotito. Il presidente della Lazio ha il sacrosanto diritto di diventare senatore della Repubblica italiana. E anche se nel 2018 non avesse ottenuto i voti sufficienti per varcare il portone di Palazzo Madama (come deciso dalla giunta per le elezioni del Senato), Lotito il seggio se l’è guadagnato sul campo. Il suo curriculum parla da solo, e lo vede coinvolto in inchieste di tutti i tipi, sportive e non. Qualche condanna, qualche prescrizione, qualche squalifica accompagnata da pesanti penalizzazioni per la sua Lazio, fatti tutto sommato irrilevanti che non hanno impedito a tanti altri politici della nostra epoca (un’epoca lunga lunga) di diventare rappresentanti del popolo. Da Berlusconi in giù.

Per non parlare della sua cultura politica (chiamiamola così), sempre di destra, spesso di estrema destra, condita da un linguaggio che va per la maggiore nelle curve degli stadi (e non solo lì). Come quando gli ultras della Lazio stamparono vergognosi adesivi di Anna Frank, la bambina uccisa dai nazisti, con la maglia della Roma, e lui fu intercettato mentre andava a portare i fiori in Sinagoga: «Annamo a fa’ sta sceneggiata…». E di sceneggiate Lotito ne ha collezionate parecchie, fino all’ultima di pochi giorni fa, quella del falconiere della squadra che prima di ogni partita fa volare allo stadio il simbolo laziale, ovvero l’aquila: ecco quel falconiere spagnolo Juan Bernabé era stato sospeso dopo aver inneggiato al Duce con tanto di saluto romano sulla pista dell’Olimpico. Una punizione brevissima: Lotito lo ha subito perdonato, facendo felici i neofascisti laziali (che pagano l’abbonamento e che magari sono anche no vax). D’altra parte non è mica colpa sua se la curva nord dell’Olimpico (come anche molte altre curve italiane, a cominciare dalla Sud romanista) è nostalgica del tempo in cui «quando c’era lui…». Lui non c’è più, però Lotito c’è. C’è nel magico mondo del calcio ma anche negli affari, affari spesso al limite dell’illegalità.

E avrebbe voluto esserci non solo allo stadio, in fondo quel seggio da senatore se lo sarebbe meritato vista la storia di rapporti che lo lega alla destra politica, tanto da guadagnarsi un posto nelle liste di Forza Italia alle ultime elezioni. Grazie a favori fatti e ricevuti, a rapporti spesso opachi, ma che volete farci: «Così fan tutti…». Peccato che i voti ottenuti da Lotito non bastino per entrare in Senato. Peccato per lui, ma soprattutto per una parte degli italiani. In fondo anche i peggiori hanno diritto di essere rappresentati ovunque: in televisione, sui giornali e quindi pure in Parlamento. O no?
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)
Opinioni / Ecco perché la classe operaia vota il partito che l’ha distrutta (di A. Stille)
Opinioni / Il martirio di un transessuale (di V. Magrelli)
Opinioni / Berlusconi certo della sua elezione a presidente: il Cavaliere sta già lavorando al restyling del Quirinale