Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Egoisti col Rolex: la generazione che ha tradito (di G. Gambino)

Immagine di copertina

È accaduto con la sanità, da tutti beatificata durante la pandemia e poi tradita perché l’emergenza era ormai passata; accade oggi anche con l’urgenza della transizione energetica ed ecologica, professata a colpi di greenwashing dalle grandi multinazionali e poi in realtà affossata dagli stessi colossi del gas.

Eppure il Covid avrebbe dovuto insegnarci la necessità di prevenire anziché continuare ad agire sull’orlo del collasso, in piena emergenza, rinviando i problemi di oggi alle generazioni di domani. Se ci pensate, il punto di ogni mancata transizione verso un mondo migliore è proprio questo: negli ultimi cinquant’anni, che si trattasse di ambiente, di sanità o di energia, i governanti odierni hanno sempre abdicato a quelli futuri. E perché lo hanno fatto? Perché privi delle risorse e dei mezzi per affrontare questi processi epocali? Macché, c’è una sola spiegazione: egoismo, vero virus della seconda metà del Novecento.

La classe dirigente che sta ostacolando la svolta green è nata e cresciuta nel Ventesimo secolo ma non è in grado di comprendere le sfide del Ventunesimo, e per questo dimostra di non avere visione. Ma l’ignavia di questa generazione è comprensibile: hanno ereditato un mondo, quello del dopo-guerra, prevalentemente in pace, si sono crogiolati nelle meritate conquiste delle libertà civili e hanno beneficiato di diritti nel mondo del lavoro oggi ritenuti irraggiungibili, con salari medi ben più elevati rispetto al costo della vita.

La generazione che ha tradito non si è mai posta il problema di guardare al presente con gli occhi del futuro perché era troppo presa dal viversi l’ora e subito, senza prestare attenzione a quanto rapidamente stesse cambiando il mondo. I diritti ambientali oggi dovrebbero essere ugualmente importanti di quanto non lo siano stati in passato i diritti sociali ed economici.

E pur avendo acquisito una significativa stabilità sociale, questa classe generazionale ha fatto davvero poco per i figli che ha messo al mondo, prima contribuendo a generare crisi sistemiche e poi dilapidando quasi tutto. Con il risultato che oggi il mondo è a pezzi, da qualunque punto di vista lo si guardi: più povero, più diviso, con meno diritti e certo più precario.

Il fatto è che non hanno previsto un tesoretto per i momenti più bui e non hanno prevenuto un bel nulla. Forse l’unica idea, la sola creazione in questa direzione, è stata la volontà di dare vita all’Unione europea, che poteva essere un’opportunità ma nei fatti è ancora lontana dall’agire coesa e consapevole sulle sfide del presente. Va da sé che seguendo questo modello irresponsabile, del vivere sempre al limite, sempre sull’orlo di una crisi temporaneamente scongiurata ma mai fino in fondo risolta, era evidente che si riducessero via via le risorse, si restringessero i diritti e che non si stesse costruendo un mondo sostenibile. Il nostro.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Ti potrebbe interessare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)