Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

“Pesce grande mangia pesce piccolo” e così Draghi restaura anche la Fornero

Immagine di copertina

Abolizione del cashback, tagli a Superbonus e reddito di cittadinanza, addio al salario minimo. L’analisi del sociologo Marco Revelli: una guerra tra poveri in cui vince sempre il banco

Quando dieci mesi fa, appena nato il governo Draghi, avevamo detto “Guai ai poveri”, poteva sembrare frutto di un pregiudizio. Non si era mai visto un banchiere favorire i nullatenenti, o anche solo guardare gli indigenti come possibili beneficiari. Tanto meno un banchiere centrale. Ergo… Ora, a governissimo ampiamente rodato, possiamo affermare che, come diceva Andreotti, a pensar male si farà forse peccato, “ma spesso si azzecca”.

La nuova legge di Bilancio conferma la vecchia legge di natura, secondo cui pesce grande mangia pesce piccolo. Se mettiamo in fila tutto quello che dentro c’è (e fa già un bel peso, in primis l’avvio della controriforma pensionistica), e quello che non c’è (tutele per il lavoro, ammortizzatori sociali adeguati, salario minimo, potenziamento di servizi essenziali per redditi bassi, rilancio della sanità pubblica), abbiamo un quadro di che cosa significa l’applicazione al bilancio statale del famigerato trickle down: la teoria dello “sgocciolamento” in base alla quale facendo affluire la ricchezza in alto, prima o poi una parte gocciolerà in basso, come alla mensa del ricco epulone.

Prendiamo la questione delle pensioni, che costituisce il pezzo forte della manovra: si torna, come nel gioco dell’oca, alla casella di partenza. Cioè dove, fin dall’inizio, avevamo capito tutti che il Capo dei Migliori voleva arrivare. In un paio di anni, giusto per addolcire il palato amaro di Salvini, riapproderemo a “quota Fornero” – ovvero a “quota zero”, sia pur celata dietro il trompe l’oeil di quota 102 o 104 -: cioè a quei fatidici 67 anni monogender che sono in assoluto l’età pensionabile più avanzata di tutta l’Unione europea (in cui l’età media è di 64,4 anni per gli uomini e di 63,4 anni per le donne).

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero
Opinioni / La rabbia e l’umiliazione. La Pornografia Non Consensuale è la nuova piaga sociale
Opinioni / Basta femminicidi: la cultura del dialogo e della parità siano affermate tutti i giorni
Opinioni / Renzi vuole impedire l’elezione di Draghi al Colle