Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Il disastro afghano dimostra che aveva ragione Kissinger: l’ordine viene prima della pace

Immagine di copertina
Credit: Lorenzo Tugnoli

Il caos seguito al ritiro dall’Afghanistan deve indurre l’America a far tesoro delle lezioni della diplomazia degli anni Settanta

La vergognosa fine della guerra degli Stati Uniti in Afghanistan ha evidenziato in modo plateale le complessità e linstabilità del Grande Medio Oriente. Gli americani forse potranno consolarsi con il fatto che, quanto meno, hanno potuto andarsene da quella regione problematica perché ormai gli Usa sono autosufficienti dal punto di vista energetico e quindi dipendono molto meno dal petrolio mediorientale. Washington ha imparato a sue spese a non cercare di ricostruire quella regione a immagine e somiglianza dellAmerica. Se mai in futuro i leader statunitensi fossero tentati di combattervi ancora, presumibilmente avranno scarso sostegno da parte dellopinione pubblica.

Nondimeno, prendere le distanze dal Grande Medio Oriente è più facile a dirsi che a farsi. Se continuerà a portare avanti il suo programma nucleare fino ad arrivare a mettere a punto unatomica, lIran potrebbe scatenare una corsa agli armamenti o far scattare un attacco preventivo da parte di Israele che trascinerebbe di nuovo gli Stati Uniti in un ennesimo conflitto in Medio Oriente. La regione resta importantissima a causa della sua centralità geostrategica, situata com’è al crocevia tra Europa e Asia. Gli alleati arabi di Israele e Washington dipendono dagli Usa per la loro sicurezza. Stati falliti come Siria e Yemen continuano a costituire un potenziale terreno fertile per i terroristi che vogliono colpire gli Stati Uniti e i loro alleati. Sebbene Washington non dipenda più dal libero flusso di petrolio dal Golfo, uninterruzione prolungata dello stesso potrebbe mandare in caduta libera leconomia globale. Piaccia o meno, gli Usa dovranno escogitare per forza una strategia post-Afghanistan che promuova lordine in Medio Oriente, anche se al momento questo tema non è certo in cima alle priorità dellagenda americana.

Nel mettere a punto tale strategia, c’è un precedente di cui tener conto che funge da valido modello: lo si deve allesperienza di Henry Kissinger, illustre stratega di Washington. Benché lo si ricordi poco, durante i quattro anni in cui fu a servizio come segretario di Stato dei presidenti americani Richard Nixon e Gerald Ford, Kissinger presiedette a un riuscito tentativo di dar vita a un ordine mediorientale stabile, durato trentanni.

Ci riuscì mentre gli Usa rimpatriavano tutti i loro contingenti dal Vietnam e si ritiravano dal Sudest asiatico. In quel periodo la diplomazia dovette sostituire il ricorso alla forza, come oggi. Quellevento coincise inoltre con il Watergate, lo scandalo che precipitò gli Stati Uniti in una profonda crisi politica ed estromise Nixon dalla presidenza, creando un potenziale vuoto nella leadership statunitense sullo scenario mondiale. Eppure, proprio durante quel momento tanto difficile per lAmerica, nel pieno della Guerra fredda, la diplomazia di Kissinger riuscì a mettere in secondo piano lUnione sovietica e a gettare le premesse di un processo di pace guidato dallAmerica che pose efficacemente fine al conflitto tra Stati arabi e Israele, anche se non riuscì a porre rimedio al conflitto israelo-palestinese in modo definitivo.

Una delle lezioni più importanti da apprendere dallepoca di Kissinger è che in quella regione una stabilità basata sullequilibrio di potere non è sufficiente a mantenere saldamente lordine…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente