Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

La cultura non crea, ma inventa (di V. Magrelli)

Immagine di copertina

Più di trent’anni fa rimasi stupito davanti a un volume tradotto da Marsilio: L’invenzione del mare. L’occidente e il fascino della spiaggia (1750-1840). Il testo era firmato da Alain Corbin, studioso di storia sociale e di storia delle rappresentazioni, nonché pioniere della storia delle sensibilità. Ciò che più mi colpì, lo confesso, fu soprattutto il titolo dell’opera, diverso dall’originale eppure sempre di origine francese.

L’autore stesso ha infatti spiegato che l’espressione risale allo storico ottocentesco Jules Michelet, il quale, a proposito di un suo collega inglese del secolo precedente, affermò: «Richard Russell ha inventato il mare». In un’espressione simile, mi piacque molto l’idea di considerare un dato naturale alla stregua di un prodotto culturale: non «scoperto», bensì «inventato». D’altronde, già Roland Barthes avvertiva che «niente è più ideologico del tempo che fa».

Proprio questo atteggiamento è stato al centro delle ricerche condotte da Corbin, che ha via via pubblicato (oltre che una Invenzione della virilità), una Storia delle emozioni, una Storia sociale degli odori, una Storia del silenzio, una Storia del corpo e infine, appena uscito da Marietti 1820 nella versione di Valeria Riguzzi, questa brillante Breve storia della pioggia.

Purtroppo, tra bombe d’acqua e piogge acide, un tema del genere suona tragicamente attuale: è uno dei prezzi pagati all’emergenza climatica, frutto di un progresso tecnologico sconsiderato e cieco. Ma tutto questo rende ancora più attraente la lettura di queste poche e densissime pagine. Il saggio si avvale di una vasta bibliografia sull’argomento (basti citare il volume del 2012 curato da Karin Becker, La pioggia e il bel tempo nella letteratura francese).

Certo, al di là del consueto regime “monoculturale” tipico del mondo transalpino, sarebbe interessante immaginare le stesse indagini svolte in area italiana (a meno che –chissà? – già non esistano). Ad ogni modo, Corbin ricostruisce con indubbia maestria il grande trapasso che ha portato l’uomo a cambiare completamente il suo atteggiamento nei confronti della meteorologia. Lo si vede in particolare nel capitolo sul passaggio dalle invocazioni alle previsioni. Parlando di fenomenologia della pioggia, queste pagine si soffermano su una vera e propria storia dell’impermeabilizzazione, caratteristica dei nuovi materiali sintetici «che hanno relegato in un passato lontano le protezioni, in particolare vegetali, grazie a cui gli uomini di tutte le culture si difendevano».

Affrontando argomenti diversi quali la guerra o i viaggi, la propaganda politica o il raccoglimento domestico, il lavoro agricolo o la dimensione religiosa, Corbin spalanca al lettore altrettante metamorfosi culturali cui è stato soggetto questo fenomeno atmosferico. Un’occasione preziosa per imparare dal passato, sempre che possa esistere, la volontà di immaginare un futuro.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)