Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Ma cosa ci è successo? (di G. Gambino)

Immagine di copertina

Eravamo abituati ai leader attaccati alla poltrona, ma questo governo è riuscito in un altro primato: il suo capo vuole andarsene, forse unico caso di un presidente del Consiglio che vuole lasciare anzitempo Palazzo Chigi.

Direte voi: plaudiamo a un raro bagno di umiltà, contrappasso progressista di civiltà da parte di chi ha capito che la sua stagione politica è conclusa e che è ora di lasciare spazio ad altri.

Peccato però che la verità sia tutt’altra. E cioè che il nostro presidente del Consiglio Mario Draghi ha deciso di traslocare direttamente al Quirinale per ricevere l’incoronazione della più alta carica dello Stato. Per mano di chi? La sua naturalmente.

Le cose stanno così: dapprima, nel corso della conferenza stampa di fine anno, il premier ha dichiarato che la sua missione era conclusa. Poi, stufo di fare la domestica di casa per quisquilie parlamentari, ha fatto intendere che sarebbe oggi opportuno che egli stesso diventasse Presidente della Repubblica. Un’auto-investitura divina con cui Draghi pretende persino di indicare il suo erede a Palazzo Chigi («la maggioranza deve rimanere la stessa»), sul cui nome ricadranno tutti gli insuccessi che, temporaneamente impossibili da vedere sotto SuperMario, torneranno visibili sotto gli occhi di molti.

Si sa, siamo abituati ad agire nell’emergenza, e quindi tutto è ritenuto normale. Ma fermiamoci un secondo e riflettiamo: da un anno e qualche mese abbiamo sospeso ogni forma di dialogo, di scontro in nome di un solo uomo. Ci hanno detto che dovevamo stringerci – tutti, nessun escluso – intorno alla sua figura quale salvatore di ogni nostro peccato. Draghi non si discute, si ama. È il leader di tutti a tutti i livelli, dai banchieri ai lavoratori passando per i direttori di giornali. C’è che si fregia del suo nome e lo usa come lasciapassare per assolvere la propria inadeguatezza politica, chi lo usa come prova del fatto che prima eravamo in una situazione catastrofica (non vero) e che ora che c’è lui marciamo (non vero: la lista degli insuccessi del governo è a pagina 16-17). Per ogni problema la soluzione è sempre lui. Ma cosa ci è successo? C’è qualcosa che non va se l’unico uomo degno di guidare Governo, Quirinale e altro ancora è sempre lo stesso.

Da quando si è ritirato sull’Aventino imbalsamandosi sulla via del Colle i partiti finalmente si sono svegliati dal loro letargo soporifero (dai giornali ancora nulla). Giustamente alcuni, di diverso colore politico, gli hanno fatto notare che così è troppo, che gli equilibri delle nostre istituzioni sono arrugginiti e le funzioni del Parlamento risultano sospese da troppo tempo. Uno come D’Alema, a cui si potrebbero contestare parecchie cose e che certo non è un Di Battista o un Fratoianni, gli ha fatto arrivare il seguente messaggio: non mi pare adeguato per un grande Paese democratico come l’Italia che un premier rassegni le dimissioni nelle sue stesse mani (con Brunetta ad interim), si trasferisca al Quirinale e indichi un alto funzionario del Tesoro come presidente del Consiglio da egli stesso guidato dal Colle.

Se ci pensate bene il problema di fondo di tutta questa operazione non è Draghi di per sé, ma il rincoglionimento di questa “campagna culturale”. La necessità di sospendere la democrazia tout court, in tutte le sue forme e declinazioni, per affidarsi a un potere assoluto dovrebbe immediatamente far scattare una serie di contrappesi nel nostro Paese: dalla stampa, dalle istituzioni dormienti e dall’opinione pubblica. Risposte che faticano ad arrivare. E il fatto che l’opinione pubblica sia completamente estranea a quanto sta accadendo è significativo: dilaga non un odio (era il caso di Renzi), non un amore (è il caso di Mattarella) ma un’indifferenza quasi totale nei confronti di chi oggi ci governa, forse anestetizzati dalla pandemia e dalla sua recrudescenza. Ma questa non può essere una scusa. Dobbiamo abituarci a convivere con le varianti del Covid.

Ora il tecnocrate illuminato da Bruxelles (e da Washington) vuole diventare Re. Senza rendercene conto, stiamo gridando tutti insieme: abbasso la democrazia, lunga vita alla tecnocrazia.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)
Opinioni / Il miracolo di Draghi? Essere riuscito a far resuscitare Berlusconi
Opinioni / Non ci resta che un capolavoro politico (di G. Gambino)
Opinioni / 102 miliardari nel mondo chiedono di essere tassati per colmare le disuguaglianze. In Italia la patrimoniale scatena l’ira degli ultra-liberisti (di G. Cavalli)
Opinioni / Indiscreto: l’inciampo giudiziario di Beppe Grillo è un problema anche per Draghi
Opinioni / ’78, la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)