Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore

Immagine di copertina

Sono stati gli stessi uomini di palazzo Chigi a pensare ad una “soluzione” Belloni per la presidenza del Consiglio qualora l’ex presidente Bce dovesse andare a ricoprire la poltrona della presidenza della Repubblica.

Nelle ultime 24 ore, infatti, il pressing di Palazzo Chigi ha iniziato a farsi sentire, trattando l’unico nodo che frena la candidatura di Mario Draghi: il governo.

La soluzione individuata dagli sherpa di Super Mario porta al nome di Elisabetta Belloni, dal 2021 capo degli 007 italiani, nominata proprio dall’esecutivo attuale.

Un nome usato come esca per blandire i tanti politici che hanno avuto a che fare con lei, nel corso della sua prodigiosa carriera da tecnica.

L’ex governatore della Bce pensa in questo modo di risolvere i problemi dentro il centrodestra (soprattutto Lega e Forza Italia), e di utilizzare la spinta necessaria di Luigi Di Maio dentro un recalcitrante M5S.

Una soluzione, quindi, quella della Belloni messa in campo dopo l’esito tutto sommato “freddo” di altre candidature paventate nelle ore scorse: una su tutte quelle della guardasigilli Cartabia. Come “freddo” è stato l’incontro di stamattina con Matteo Salvini: sostanzialmente non ci sono stati passi in avanti per quella quadratura del cerchio che si sta cercando e che comprende sia Quirinale che palazzo Chigi.

Insomma, è ancora complicata la strada per Mario Draghi al Quirinale anche se una promessa, a quanto è in grado di rivelare TPI, a Gianni Letta e a Matteo Renzi il premier l’ha fatta: “Se dovessi salire al Colle il presidente del Consiglio dovrebbe essere un politico”.

Secondo molti osservatori la situazione non si sbloccherà se non tra martedì e mercoledì, tra la seconda e la terza votazione.
Il vero tema di discussione oggi e domani, secondo un senatore dem, “sarà capire se i partiti vorranno concedersi delle ‘vittime’ sacrificali contrapposte, tipo Casellati e Riccardi, alla quarta votazione o trovare subito la soluzione condivisa”.

In questa seconda ipotesi, pronti a scaldarsi ai margini del campo solo due protagonisti: il presidente del Consiglio Mario Draghi e l’ex presidente della Camera Pier Ferdinando Casini. Con un occhio attento però anche alla Casellati, possibile outsider: è lei il vero nome al quale sta pensando Matteo Salvini.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)