Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Caro Salvini, la droga di Morisi è una questione politica (di S. Lucarelli)

Immagine di copertina

“Attaccano Luca Morisi per attaccare me”. “Fare l’amore a pagamento è una questione politica?”. “Chi si droga ha un problema, va aiutato, io ce l’ho con gli spacciatori”. “Cucchi? La verità giudiziaria dice come sono andate le cose: era un altro il suo lavoro… Non confondiamo chi fa uso di droga e chi spaccia”. I tormentoni difensivi di Matteo Salvini, all’indomani della vicenda che ha coinvolto il capo e inventore della Bestia, Luca Morisi, meritano alcune riflessioni che riterrei superflue, se non fosse che il leader della Lega ha assunto le inedite sembianze di Alice nel paese delle meraviglie.

Tanto per cominciare nessuno attacca Morisi per attaccare lui, per il semplice motivo che dal punto di vista della comunicazione politica Morisi È LUI. Il social media manager salviniano in questi anni non è stato un semplice stagista, non ha amplificato o valorizzato il pensiero politico del suo capo, ma ha fatto politica. Considerare la Bestia come un semplice strumento d’odio in mano a un esecutore è un grave errore…

Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI, clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Washington Dis(con)sensus
Opinioni / Assange ha scelto la libertà al posto della carriera: l'opposto di buona parte della stampa (di A. Di Battista)
Opinioni / Il We-mode di ReWriters come opportunità per una nuova convivenza sociale su base cooperativa
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Washington Dis(con)sensus
Opinioni / Assange ha scelto la libertà al posto della carriera: l'opposto di buona parte della stampa (di A. Di Battista)
Opinioni / Il We-mode di ReWriters come opportunità per una nuova convivenza sociale su base cooperativa
Opinioni / Il ddl Zan muore grazie ai voti dei nuovi centristi progressisti moderati sauditi (di G. Cavalli)
Opinioni / Salvate il soldato Zan. Ovvero cronaca di un disastro annunciato (di M. Tarantino)
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)