Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Cara Meloni, Luca e Alba non sono “situazioni particolari” ma persone cui la legge non deve concedere solo eccezioni

Immagine di copertina

“È chiaro che un single o una coppia omosessuale sarebbero meglio di una casa-famiglia. Ed è giusto che la legge consenta a te e Alba di essere famiglia. Poiché si pone sempre dalla parte del soggetto più fragile. E quindi ammette che in situazioni particolari come la vostra vi possa essere un’adozione a tutti gli effetti”.

Partirei da questa affermazione per analizzare la risposta che oggi Giorgia Meloni ha dato a Luca Trapanese, assessore al Welfare di Napoli, padre adottivo della piccola Alba, una bambina affetta da sindrome di Down, che ieri indirizzava una lettera alla leader di Fratelli D’Italia invitandola a ragionare sulle adozioni per single e coppie omosessuali.

Meloni parla di “situazioni particolari”, ossia quella di una bambina con la sindrome di Down che è stata respinta da più famiglie e che solo in virtù di questa particolare condizione ha permesso a Luca di poter accedere a un’adozione. Sarò forse pignola io, tuttavia trovo che il linguaggio utilizzato da Giorgia Meloni non vada sottovalutato, perché travestito di buonismo che in realtà svela un pensiero molto più banale: tu, Luca Trapanese, in quanto gay e single, e tu piccola Alba, al mondo siete delle eccezioni e in quanto tali dovete accontentarvi. Detto così è orribile, ma la situazione particolare di cui parla Meloni è questa.

In Italia, allo stato attuale, infatti, Luca non avrebbe potuto adottare poiché single e Alba sarebbe senza genitore dopo il rifiuto di varie famiglie. Ma ciò che l’assessore prova a dire alla politica è proprio questo: “La gente ci dice spesso che siamo speciali, io invece, come forse saprai, lotto quotidianamente per affermare il contrario, e cioè che siamo una famiglia esattamente come lo sono tutte le altre”, scrive nella lettera. Ossia, non si vuole vivere nell’eccezione, ma fare in modo che persone come Luca e Alba non vivano nell’ombra della “particolarità”, quanto invece siano tutelate da leggi che permettano un pari accesso a certe pratiche.

D’altronde lo sappiamo, non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. O leggere, in questo caso.

Secondo Meloni infatti, “La norma non è mai dettata per singoli individui, ma per un numero indeterminato di persone che si trovano in una stessa situazione..” e “La norma deve anzitutto porsi dalla parte del soggetto più fragile, difenderlo e garantirgli condizioni di vita migliori possibili”. Ma anche su questo punto Trapanese aveva fatto osservare a Meloni un concetto molto semplice e al contempo innegabile: “è un’idiozia che per un bimbo disabile sia sufficiente un solo genitore e per gli altri ce ne vogliano due sposati”, scrive nella lettera. E in effetti quale soggetto è più fragile e quindi meriterebbe maggiori tutele di un bimbo con sindrome di Down? Il paradosso è che invece quel bimbo, perché rifiutato, deve invece “accontentarsi”. Seguendo il filo del ragionamento meloniano.

Insomma sarà verissimo che allo stato attuale sono più le coppie che vogliono adottare del numero di bimbi ancora senza una famiglia, e sarà appunto verissimo che è la burocrazia la prima cosa che va migliorata. Ma in un mondo imperfetto (splendidamente imperfetto) come il nostro, non sarà che la legge deve aprire e non vietare forme di adozione che rispecchino la vita reale senza basarsi su prese di posizione ideologiche e anacronostiche? Meloni, se ha tempo, risponda anche a noi. Stavolta senza giri di parole e banalità.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)
Opinioni / Luigi Di Maio come Gianfranco Fini: da leader a grande escluso. Tutte le similitudini
Opinioni / Il Pd non conosce più il suo mondo e ciò che dovrebbe rappresentare: così la sinistra ha perso il contatto con la realtà (di C. Geloni)
Opinioni / La lezione del centrodestra a Pd e M5S: per vincere bisogna anche saper costruire un’alleanza (di S. Mentana)
Opinioni / Il Pd perde perché privo di identità: è arrivato il momento di porre fine a un esperimento mai riuscito (di R. Bertoni)