Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 11:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Cannabis, perché Sì: punire i consumatori non ferma l’invasione di droga (di G. Colombo)

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Ci sono almeno tre motivi per apprezzare il referendum per la legalizzazione della coltivazione della cannabis per uso personale. L’aspetto centrale è l’educazione. L’intervento repressivo, infatti, non serve ad educare. Mentre legalizzare la coltivazione può essere uno stimolo allo sviluppo della capacità critica. E significa lavorare soprattutto sul disagio, intervenendo sui motivi sociali che spingono le persone ad usare sostanze. La criminalizzazione del commercio delle droghe leggere fa sì che i ragazzi si rivolgano al commercio clandestino, moltiplicando i pericoli per la salute e correndo a volte il rischio di diventare anche loro piccoli spacciatori.

In secondo luogo, la legalizzazione eliminerebbe la contraddizione tra la libertà dell’acquisto di alcol e tabacco (per i maggiorenni), ed il divieto di quello della marijuana. Ci vorrebbe coerenza, anche alcol e nicotina creano dipendenza, fanno danni enormi se se ne eccede. Infine credo sia evidente che consentire la coltivazione per uso personale limiterebbe di almeno un po’ i guadagni della criminalità organizzata. Secondo me il problema della diffusione di sostanze nocive andrebbe affrontato non con la minaccia di pene o di sanzioni amministrative ma attraverso un potente investimento educativo.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il We-mode di ReWriters come opportunità per una nuova convivenza sociale su base cooperativa
Opinioni / Il ddl Zan muore grazie ai voti dei nuovi centristi progressisti moderati sauditi (di G. Cavalli)
Opinioni / Salvate il soldato Zan. Ovvero cronaca di un disastro annunciato (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il We-mode di ReWriters come opportunità per una nuova convivenza sociale su base cooperativa
Opinioni / Il ddl Zan muore grazie ai voti dei nuovi centristi progressisti moderati sauditi (di G. Cavalli)
Opinioni / Salvate il soldato Zan. Ovvero cronaca di un disastro annunciato (di M. Tarantino)
Opinioni / Ennesima giravolta di Renzi: chiedeva ai suoi avversari di rinunciare all’immunità ma ora è lui a volerla
Opinioni / Atto effimero e spada di Damocle. La doppia natura dell'astensione (di S. Mentana)
Opinioni / Fininvest finanziò Cosa Nostra, ma sui giornali non lo ha scritto praticamente nessuno
Opinioni / Da IoApro a IoChiuso. In carcere (di Selvaggia Lucarelli)
Opinioni / I talebani hanno spento anche la musica (di W. Samadi)
Opinioni / “Nimbus project”, il lato oscuro di Amazon (di Giulio Gambino)
Opinioni / A Bonomi danno fastidio le richieste dei partiti ma sfortunatamente per lui siamo in democrazia (di G. Cavalli)