Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Berlusconi presidente della Repubblica? Siamo seri, per favore (di A. Stille)

Immagine di copertina

Il tempo è stato generoso con Silvio Berlusconi. Quando nel 2011, a 75 anni, lasciò l’incarico di premier, tra processi penali e una crisi finanziaria fuori controllo, sembrava finito. Oggi, invece, dopo demagoghi come Donald Trump e Jair Bolsonaro, sembra uno statista di livello mondiale. Quanto siamo veloci a dimenticare.

Il presidente della Repubblica in Italia ha relativamente pochi compiti, ma è il tutore delle istituzioni e l’arbitro che garantisce con imparzialità che tutti rispettino le regole. Berlusconi ha dedicato gran parte della sua carriera politica a infrangere le regole e indebolire istituzioni indipendenti. Partiamo da un dato di fondo: ha subito una condanna definitiva che lo ha reso ineleggibile al Parlamento europeo. Ma questa è solo la punta dell’iceberg.

La carriera politica di Berlusconi si è basata sull’utilizzo delle istituzioni per tornaconto personale. È “sceso in campo” quando la sua azienda era sotto inchiesta e ha portato in Parlamento dirigenti di quella stessa azienda che rischiavano il carcere per far ottenere loro l’immunità parlamentare.

Nel processo All Iberian risultò che Berlusconi versò illecitamente 22 miliardi di lire a Bettino Craxi e al Partito socialista: c’è stata una condanna in primo grado, poi è sopraggiunta la prescrizione. La prescrizione lo ha salvato anche nel processo sulla cosiddetta compravendita del senatore Sergio De Gregorio: una tangente per convincerlo a cambiare schieramento politico e far cadere il secondo governo Prodi. Potrei andare avanti, ma i processi sono ventidue.

Il presidente della Repubblica dovrebbe essere una sorta di monarca democratico, una figura paterna per l’intero Paese. Forse dovremmo chiamarlo “Papi”, come il soprannome che fu dato a Berlusconi dall’allora teenager Noemi Letizia. Lo strano rapporto della ragazza con l’allora premier portò la moglie di Berlusconi a chiedere il divorzio.

Ci sarebbero “cene eleganti” al Quirinale? La sera dell’elezione di Barack Obama, Berlusconi ignorò un invito a partecipare a una festa all’ambasciata americana e tenne invece una festa alla quale l’imprenditore Gianpaolo Tarantini portò la prostituta Patrizia D’Addario. “Facendo l’escort pensavo di avere visto un bel po’ di cose, ma questa mi mancava: venti donne per un unico uomo”, raccontò poi D’Addario. Quando fu arrestata Karima El Mahroug, in arte Ruby Rubacuori – la teenager marocchina che aveva partecipato alle feste “bunga bunga” – Berlusconi telefonò alla Questura di Milano per farla rilasciare sostenendo che era la nipote del leader egiziano Hosni Mubarak. Presidente della Repubblica, ma siamo seri?
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?
Opinioni / Il super green pass è l’ultima trovata di un governo che non ha il coraggio di imporre il vaccino obbligatorio
Opinioni / Quando il femminicida era un eroe. E vinceva pure l’Oscar (di V. Magrelli)
Opinioni / Gli afghani non possono più permettersi neppure le cure mediche (di W. Samadi)
Opinioni / «Matteo ha perso la testa» (di G. Gambino)
Opinioni / Il Vaticano guarda al successore di Mattarella: ecco i preferiti tra i potenti del clero