Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Berlusconi e Salvini pensano a come evitare Meloni premier

Immagine di copertina

L’assist di Silvio Berlusconi a Matteo Salvini, incoronato «unico leader vero che c’e’ in Italia» e unico alleato del centrodestra invitato al ‘quasi’ matrimonio del Cavaliere, riapre il nodo della leadership nella coalizione. A chi spetterà dal 2023? Una cosa è sicura: Silvio Berlusconi non vuole morire meloniano così come Matteo Salvini: è questo il vero motivo dell’endorsememnt del cav al capitano: più che un «sì» a Salvini si è trattato di un no grande come una casa a Giorgia Meloni.

Non per niente nello stesso giorno il braccio destro di Berlusconi, Antonio Tajani, recitava: «Credo che la coalizione dovrà ripensarsi prima delle elezioni». E dato che con la coalizione attuale Meloni sbaraglierebbe la concorrenza interna, le parole di Tajani tradotto dal politichese significano che a Forza Italia non va più bene che a palazzo Chigi ci vada chi prende un voto in più, ovvero Giorgia Meloni. Perché se così fosse la leader di Fratelli d’Italia avrebbe già sbaragliato tutta la concorrenza di centrodestra.

Insomma, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini stanno pensando a come non far sedere sulla poltrona di palazzo Chigi la prima donna premier che potremmo avere in Italia.

Le ipotesi su cui si sta ragionando sono due: una lista unica tra Lega e Forza Italia che potrebbe pareggiare i conti elettorali con quella di Fratelli d’Italia (per poi provare a giocarsi la leadership del centrodestra e guadagnare palazzo Chigi) oppure andare al voto in ordine sparso cambiando la legge elettorale. Perché piuttosto che vedere la Meloni seduta sullo scranno di palazzo Chigi Silvio Berlusconi e Matteo Salvini sono disponibili anche a tenersi Mario Draghi la prossima legislatura.

Ed il «fattore guerra» gioca a favore di questo esito: sia nella Lega che in forza Italia sono sempre più convinti che bisognerà richiamare Mario Draghi anche l’anno prossimo. È l’unico che può garantire l’Italia nei confronti dell’Europa per quanto riguarda l’attuazione del Pnrr e il pagamento del debito e gli Stati Uniti in fatto di fedeltà Atlantica.

Visti i tempi bui che attraversano il pianeta sarà molto difficile per il cav e il capitano trovare un’alternativa credibile di governo a quella dell’ex numero uno della Bce.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’ipocrisia degli Usa: il diritto ad avere armi è sacro, quello di abortire no
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’ipocrisia degli Usa: il diritto ad avere armi è sacro, quello di abortire no
Opinioni / La felicità è una cosa seria (di G. Gambino)
Opinioni / L’industria della paura, la solitudine e la cultura delle armi dietro le stragi nelle scuole Usa (di A. Di Battista)
Opinioni / Perché la sinistra ha dimenticato la lezione di Berlinguer (di G. Cuperlo)
Opinioni / Berlinguer e il seme dell’austerità rivoluzionaria che il Pd dovrebbe coltivare
Lavoro / Le grandi dimissioni travolgono anche il ricco Nord-Est italiano
Opinioni / Tutti muti, muti tutti (di G. Gambino)
Opinioni / Cento anni fa nasceva Enrico Berlinguer: vi racconto chi era, fra aneddoti, battaglie politiche e il revisionismo di alcuni suoi successori
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra