Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Un anno di Draghistan: il miracolo che non c’è

Immagine di copertina
Credit: Ansa

L’Economist celebra l’Italia del banchiere-premier ma un giovane su tre è senza lavoro e metà degli anziani vive in povertà

La Legge di Bilancio è arrivata allaula del Senato allultimo minuto utile. Un giorno o poco più per approvarla, evidentemente senza discussione. Poi stesso iter per la Camera. Bene che vada ognuno dei 945 rappresentanti del popolo” chiamati a votarla ha avuto appena il tempo di dare unocchiata ai 219 articoli che la compongono distribuiti in 122 pagine zeppe di rinvii e rimandi a normative parallele (a cui si aggiungono le 50 pagine del maxi-emendamento governativo).

Come dire che lhanno votata a occhi chiusi, dopo aver ascoltato le dichiarazioni di voto” dei rispettivi capigruppo o chi per essi. E che il Parlamento è di fatto esautorato dalla elaborazione e dalla discussione di quello che viene di solito considerato il più importante atto normativo di ogni anno, a favore dei contatti informali tra apparati di partito della sterminata quanto eterogenea maggioranza, funzionariato ministeriale e sherpa di varia natura (politica o lobbistica).

Così vanno le cose al tempo del Governo dei migliori”. Il quale peraltro se ne va in giro tronfio per la proclamazione da parte della rivista The Economist dellItalia Paese dellanno” grazie alla sua politica”, alle sue performance in campo economico, e soprattutto grazie a quelle del suo Capo, come non hanno mancato di enfatizzare (quasi) tutti i giornali e gli organi dinformazione che fin dalla nascita fanno da violini di spalla al banchiere-premier”. Ma che, tuttavia, salvo poche meritorie eccezioni, si sono ben guardati dallaggiungere che tanta eccellenza” in quel premio” non cera se ce lo siamo aggiudicato strappandolo a un concorrente come il Malawi (classificatosi secondo davanti a isole Samoa, Moldavia e Zambia…). E soprattutto che la prestigiosa rivista che lha assegnato appartiene in ampia misura (il 43 per cento delle azioni) alla famiglia Agnelli.

In questo contesto, lo sciopero generale del 16 dicembre indetto da Cgil e Uil, è giunto opportunamente a sussurrare, sia pur timidamente, ma per chi vuole intendere il messaggio chiaramente, che il re è nudo”. Che non va affatto tutto bene, madama la marchesa”. E che il mondo del lavoro – e più in generale di chi sta al fondo della piramide sociale – vive un profondo, doloroso malessere che nessuna narrazione di potere può occultare.
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)