Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

In casa dem si guarda alle amministrative: in caso di successo, Letta schiverà agevolmente il congresso

Immagine di copertina

Al Nazareno si apprestano a mettere in fresco le bottiglie per i festeggiamenti di lunedì. Le tendenze nei sondaggi sono ormai consolidate, ed il Pd si aspetta buoni risultati dalle amministrative del 3-4 ottobre e dalle suppletive, soprattutto a Siena, ma anche a Primavalle dove l’improvvisato candidato Casu sembra comunque in campo.

Per Letta indubbiamente sarà il primo check positivo, anche se per la festa vera e propria bisognerà attendere due settimane per i ballottaggi, dati come molto probabili a Roma e a Torino.

La regola della casa dem è che al segretario che vince si assicurano ponti d’oro, quindi non è difficile preventivare che anche le polemiche saranno silenziate.

Certo il risultato finale di Roma determinerà l’esito della partita, anche dal punto di vista dei rapporti interni. Una imprevista (fino a qualche mese fa) vittoria di Gualtieri consentirebbe a Letta di arrivare indenne fino alle prossime elezioni e di schivare agevolmente la “mina” del congresso.

Unica variante: il rapporto con Calenda, e come il leader di Azione deciderà di far pesare a livello nazionale il suo voto raccolto a Roma.

Certo è che una parte del gruppo parlamentare dem guarderà con sempre maggiore insistenza al suo terzo polo. Per una volta Letta potrà stare sereno, preventivando che subito dopo le elezioni, il terreno tornerà ad essere disagevole per la prossima calendarizzazione del ddl Zan (martedì prossimo si esprimerà la capigruppo del Senato) e per l’infittirsi delle trame in vista del Quirinale.

Intanto, restando sempre in zona centrosinistra, si prevedono turbolenze in casa dei 5 Stelle se i risultati non dovessero essere soddisfacenti. Casaleggio, sta “in attesa sulla riva del fiume” spiega chi lo conosce bene, pronto a riprendersi la scena con nuove iniziative se i risultati della gestione Conte dovessero essere deludenti.

L’idea di una nuova iniziativa politica non è stata affatto abbandonata così some continuano i colloqui con Alessandro di Battista che da par suo a La7 nel programma di Andrea Pancani (Coffee Break) stamattina ha confermato che partirà per un nuovo tour, stavolta però non in paesi lontani ma in Italia, “per tastare il terreno” e “per verificare se c’è un consenso verso un progetto politico”. Casaleggio tace e acconsente.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Lo Stato paghi le bollette: non è solo un giornale che lo chiede, ma 90mila cittadini (di G. Gambino)
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Lo Stato paghi le bollette: non è solo un giornale che lo chiede, ma 90mila cittadini (di G. Gambino)
Opinioni / Ecco perché la rivoluzione socialdemocratica di Lula spaventa il capitalismo internazionale (di D. De Masi)
Opinioni / Sinistra, svegliati: il Pd abbandoni le idee di centro e torni al fianco degli ultimi (di G. Gambino)
Opinioni / Troppo facile scaricare tutte le colpe su Letta: a regalare il Paese alla destra è stata l’intera classe dirigente del Pd (di M. Tarantino)
Opinioni / Giornalismo “Usa & Getta”: perché non accettiamo lezioni di storia dalla stampa estera (di G. Gambino)
Opinioni / La mia storia nel Pd: ecco perché è arrivato il momento di ribellarsi a questa classe dirigente (di F. Restivo)
Opinioni / Aborto alla gogna, donne costrette ad ascoltare il battito del feto, coppie Lgbt mortificate. Cara Meloni, è questo ciò che vuoi?
Opinioni / Identità perduta e lotte di potere: ecco perché alla sinistra servirebbe un partito nuovo
Opinioni / Alle elezioni né i partiti né gli elettori hanno fatto il loro mestiere: la grande occasione persa delle politiche (di P. Di Antonio)
Opinioni / Basta con le chimere draghiane e neoliberiste: il Pd deve cambiare il proprio dna se vuole sopravvivere (di R. Parodi)