Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Amare il proprio lavoro è una trappola capitalista (di E. A. Cech)

Immagine di copertina
Credit: REUTERS/Akhtar Soomro

Fare un mestiere appagante: ecco il segreto per una buona carriera ma la percezione di sé non dovrebbe dipendere da un’unica istituzione sociale

Da quando è scoppiata la pandemia, molti cittadini americani hanno iniziato a porsi domande sullinadeguatezza della vita lavorativa che conducono, discutendone con amici e familiari. Non solo: milioni di persone hanno aderito al fenomeno delle grandi dimissioni” e molti, soprattutto tra i laureati, giurano di essere intenzionati a seguire le proprie passioni e di volersi avventurare in una diversa carriera.

Questo desiderio di un lavoro più pieno di significato, tuttavia, non è nuovo: negli ultimi trentanni, studenti del college e lavoratori laureati hanno preso decisioni inerenti al percorso delle loro carriere ispirandosi a quello che definisco il principio della passione”, ossia dare la priorità a un lavoro appagante anche a discapito della sicurezza del proprio posto o di una retribuzione adeguata.

Chi crede in questo principio confida nel fatto che la passione potrebbe compensare la fatica e la necessità di fare gli straordinari. Per molti, quindi, seguire la passione non è soltanto la strada migliore per avere un buon lavoro: è anche la chiave di volta per vivere bene.

Eppure dare la priorità a un lavoro coinvolgente nelle decisioni riguardanti la carriera presenta molti inconvenienti e pone, per altro, anche qualche pericolo esistenziale. A essere sinceri, la forza lavoro dei colletti bianchi non fu ideata per aiutare i lavoratori a coltivare progetti di realizzazione personale, bensì per promuovere gli interessi degli azionisti delle imprese. Quando mettono al centro del significato della loro carriera lavorativa unoccupazione ben retribuita, in pratica le persone cedono il controllo di una parte essenziale della propria idea di sé a datori di lavoro che mirano al profitto e ai flussi e riflussi delleconomia globale.

In più, molte aziende sfruttano la passione dei lavoratori. I più entusiasti si prestano spesso a fare gli straordinari anche se non retribuiti.

*Traduzione di Anna Bissanti © 2021, The Atlantic

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)
Opinioni / Ecco perché la classe operaia vota il partito che l’ha distrutta (di A. Stille)
Opinioni / Il martirio di un transessuale (di V. Magrelli)
Opinioni / Berlusconi certo della sua elezione a presidente: il Cavaliere sta già lavorando al restyling del Quirinale