Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Al Tesoro non c’è gara che tenga (di G. Gambino)

Immagine di copertina

La storia è questa: arrivano finalmente i primi soldi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. E iniziano a intravedersi le prime nuvole. Cala il consenso verso Mario Draghi e scricchiola la tenuta del governo dei migliori.Il Pnrr è pari complessivamente a quasi 300 miliardi di euro, spalmati in cinque anni, di cui oltre 40 da spendere nella digitalizzazione. Ora, di questi, due miliardi sono riservati allo sviluppo del Polo Strategico Nazionale (Psn), nato per “mettere in sicurezza i dati della pubblica amministrazione di interesse strategico”. Ben venga, direte voi, e infatti è così: finalmente un luogo nuovo e unico che sostituirà gli obsoleti data center oggi utilizzati per gestire la miriade di dati sensibili e non degli italiani.

Peccato però che se sul piano tecnologico le ambizioni del Cloud italiano porteranno (forse) alla svolta digitale di cui avremmo tremendamente bisogno, il metodo che finora è stato utilizzato dal Governo nel gestire questi 2 miliardi sia stato tutto fuorché trasparente. Nella prima parte di una nuova importante inchiesta che pubblichiamo questa settimana, realizzata da Alberto Nerazzini, traspaiono le tracce di un vero e proprio sistema che si ripete nel metodo e nel tempo. L’abbiamo chiamato Sistema Mef (leggete l’incredibile storia a p. 20).

Dalla bozza di accordo (già pronta per essere inviata, quando invece siamo appena nella fase preliminare di una eventuale gara) per l’affidamento dei servizi di gestione dei dati, e dalle fonti con cui siamo venuti in contatto, emerge la volontà da parte del Tesoro di favorire sempre i soliti noti. In questo caso la cordata Cdp-Tim.

A discapito dei concorrenti, ai quali veniva “chiesto” di fare un passo indietro. E così anche il capo di Gabinetto in una telefonata faceva pressioni sul rivale Poligrafico dello Stato, unitosi con Fastweb in una cordata per ottenere la gestione della “nuvola”.Uno schema simile si ripropone anche nel caso di Autostrade per l’Italia, come ha documentato Laura Maragnani a p. 24, con funzionari del Tesoro che alzano il telefono per fare pressioni sui concorrenti affinché stiano alla larga dall’operazione Cdp-Atlantia.

La strada per la messa a terra del Pnrr è ancora lunga. Se queste sono le premesse, viene però da chiedersi cosa ci si debba aspettare dalla gestione degli altri 298 miliardi. Ma non è solo questa la partita che stiamo giocando: se è vero che la sicurezza informatica sarà uno dei temi cardine di questo secolo, è anche importante riuscire a essere trasparenti sui dati e su chi li gestirà. Nel caso del Cloud tutto è fluido e più comodo, ma il prezzo da pagare per questa innovazione è che i nostri dati sono divenuti una delle monete più sensibili. Visto che la digitalizzazione è la prima voce di spesa del nostro Pnrr è opportuno sapere da chi, perché e in che modo questi fondi verrano impiegati.

Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il fatto di avere una figlia non è un’attenuante bensì un’aggravante: qualcuno lo spieghi al tifoso molestatore
Opinioni / Draghi pronto a dimettersi dopo la legge di Bilancio pur di ottenere il Colle: il retroscena da Palazzo Chigi
Opinioni / Le grandi dimissioni, specchio dei problemi del mondo del lavoro (di S. Mentana)
Opinioni / Quirinale: Draghi vuole il Colle, ma la variante Omicron potrebbe cambiare le carte in tavola
Opinioni / La legalizzazione della Cannabis riscuote consenso, ma il Parlamento è troppo conservatore per accorgersene
Opinioni / La Turchia batte l’Italia nella corsa alla ricostruzione in Libia
Opinioni / Armi, odio e fake news: negli Usa la politica si fa violenta (di A. Stille)
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Opinioni / Ranucci parla di politica e a certi politici non piace: ecco perché lo ricoprono di fango
Opinioni / Il virus muta e fa paura, ma cosa stanno facendo i governi e le BigPharma?