Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Migranti

Dopo il rifiuto di Malta e Italia, nave Open Arms con 300 migranti a bordo si dirige in Spagna

Immagine di copertina

Per ore l'imbarcazione, dopo aver soccorso tre imbarcazioni a rischio naufragio, non ha avuto un porto di sbarco. Botta e risposta tra la ong e Salvini

Dopo il rifiuto di Malta e dell’Italia, la nave battente bandiera spagnola della ong Proactiva Open Arms, con a bordo i 311 migranti tratti in salvo questa mattina, sta facendo rotta verso la Spagna. Madrid ha dunque dato il proprio ok all’attracco della nave, che ha fatto subito rotta verso il porto di Algeciras, in Andalusia.

Il salvataggio è avvenuto in mattinata nel tratto di mare di fronte ad Al-Khoms, a est di Tripoli. Erano tre, secondo quanto raccontato dai volontari di Open Arms, le imbarcazioni “a rischio di naufragio” dalle quali sono stati tratte in salvo più di 300 persone. La ong ha chiesto prima a Malta e poi all’Italia di poter sbarcare i migranti, ma sia da La Valletta sia da Roma la risposta è stata negativa.

Tra le persone messe in salvo era presente anche un neonato, partorito tre giorni fa su una spiaggia libica, assieme alla madre. I due sono stati gli unici migranti recuperati dalla Guardia costiera di Malta, che ha mandato un elicottero negando però il soccorso, e anche ogni approvvigionamento, alle altre persone salvate da Open Arms, tra le quali ci sono decine di altre donne e almeno altri cinque bambini.

Dopo il rifiuto da parte anche dell’Italia c’è stato anche un botta e risposta tra il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e Oscar Camps, fondatore di Open Arms.

Salvini, dopo la notizia del rifiuto di Malta, ha ribadito su Twitter il suo “no” all’organizzazione: “La mia risposta è chiara: i porti italiani sono chiusi! Per i trafficanti di esseri umani e per chi li aiuta, la pacchia è finita”, ha scritto il ministro su Twitter.

“La tua retorica e il tuo messaggio, come tutto in questa vita, finirà. Però sappi che tra qualche decennio i tuoi discendenti si vergogneranno di ciò che fai e ciò che dici”, è stata la dura risposta, in un tweet, di Camps.

Qualche ora dopo, la notizia che Open Arms ha trovato un porto di sbarco, proprio nel Paese di cui porta la bandiera. Fino a martedì le condizioni climatiche dovrebbero essere favorevoli per lo sbarco al porto di Algeciras. Il viaggio durerà circa cinque giorni. Nel frattempo, da Barcellona è salpata un’altra nave della ong, con a bordo cibo e rifornimenti vari per i migranti.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, trovate 10 persone morte soffocate su un barcone al largo della Libia
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Migranti, trovate 10 persone morte soffocate su un barcone al largo della Libia
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Kamala Harris ai migranti: “Non venite negli Stati Uniti, sarete rispediti indietro”
Migranti / La Danimarca approva una legge per ricollocare i richiedenti asilo fuori dall’Europa
Migranti / 40mila migranti respinti illegalmente dai Paesi europei (Italia inclusa): 2mila morti. L'inchiesta del Guardian
Migranti / Naufragio al largo della Libia, Mezzaluna Rossa: "50 morti"
Migranti / Migranti: naufragio al largo della Libia, 11 corpi recuperati
Migranti / Senza gli immigrati l’economia italiana crollerebbe: ogni anno producono il 9% del Pil. Il rapporto della fondazione Leone Moressa
Migranti / Barcone con 56 persone a bordo si capovolge a largo della Libia, l’allarme di Unhcr
Migranti / Migranti, nessuna invasione: il rapporto che smentisce le fake news su chi arriva in Italia