Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Con il decreto Salvini in Italia 130 mila clandestini in più in due anni

Di TPI
Pubblicato il 4 Gen. 2019 alle 08:55 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:34
0
Immagine di copertina

Con il decreto Salvini 130 mila clandestini in più in due anni. In pieno scontro tra i sindaci, con Orlando e de Magistris in testa, e il ministro dell’Interno Matteo Salvini una ricerca dell’Ispi (Istituto per gli studi di politica internazionale) lancia l’allarme e mostra il “fallimento” del decreto simbolo del lato leghista del governo giallo verde.

> Qui l’intervista di TPI al sindaco Orlando

aumento clandestini decreto salvini

Secondo le stime, infatti, come riporta il Corriere della Sera il mancato rinnovo dei permessi umanitari da una parte e le mancate espulsioni dall’altra porterebbero a un aumento cospicuo del numero degli stranieri irregolari in Italia.

> Cosa rischiano i sindaci che disobbediscono a Salvini

Le critiche che arrivano dai sindaci “dissidenti” non sono, quindi, solo di “principio” – “Il decreto Salvini viola i diritti umani e la Costituzione” urlano Orlando e de Magistris – ma avrebbe un grave impatto anche da un punto di vista che dovrebbe interessare il Viminale: la gestione dell’ordine pubblico.

Qui abbiamo spiegato cosa prevede il decreto Sicurezza

Di fatto, spiega l’Istituto per gli studi di politica internazionale, per com’è stata scritta la norma simbolo voluta dalla Lega rischia di aggravare gli stessi problemi che dice di voler risolvere.

Secondo l’elaborazione compiuta da Matteo Villa dell’Ispi la restrizione dei permessi per protezione umanitaria porterebbe in due anni a un aumento degli immigrati irregolari in Italia di 130.000 unità.

Si passerebbe, infatti, dagli attuali 490 mila a oltre 622 mila: gli irregolari “in più” sarebbero, infatti:

  • 72mila nuovi irregolari dal cosiddetto “arretrato delle commissioni”
  • 32.750 dal mancato rinnovo dei permessi di protezione umanitaria
  • 27.300 dai mancati rimpatri di chi ha già perso il diritto alla protezione umanitaria

Il tutto senza dimenticare che, come sottolineano gli stessi ricercatori dell’Ispi, a questi numeri andrebbero aggiunti tutti quei migranti – e sono sicuramente migliaia, approdati in Italia, mai “censiti” e che clandestinamente si sono spostati in altri Paesi europei.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.