Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il caso shock del veterinario che imbottiva di eroina i cani per usarli come corrieri

Immagine di copertina

Elorez impiantava chirurgicamente i sacchetti di droga liquida nel ventre dei cani in un laboratorio a Medellin, in Colombia

Un veterinario è stato condannato a sei anni di carcere per avere usato dei cani come corrieri della droga per trasportare fuori dalla Colombia sostanze stupefacenti.

L’uomo, Andres Elorez, di 39 anni, è stato arrestato in Spagna ed estradato negli Stati Uniti per essere processato dal tribunale federale nel distretto orientale di New York.

Elorez ha studiato veterinaria all’università americana Colombia ed è stato descritto come uno degli studenti migliori del suo corso. Le lodi accademiche non sono però servite a convincere i giudici a ridurgli la pena.

Secondo la Corta l’uomo ha usato le sue conoscenze veterinarie per “scopi criminali”, mettendo in pericolo i cani a lui affidati per traffici illeciti di droga.

Il suo piano prevedeva l’impianto tramite operazione chirurgica di pacchetti di eroina liquida nel ventre degli animali, usati quindi come corrieri della droga per i trafficanti colombiani.

I giudici hanno anche accusato Elorez di aver violato i suoi doveri di medico: l’uomo infatti non ha protetto la salute degli animali sotto la sua custodia come il suo ruolo gli imponeva e anzi ne ha messo in pericolo la vita.

“Come studente di veterinaria all’epoca dei fatti, l’imputato aveva il dovere di non recare danno agli animale ha tradito quel dovere quando ha usato le sue abilità veterinarie per aiutare i trafficanti colombiani”, è stato il verdetto dei pubblici ministeri.

Elorez quindi impiantava chirurgicamente i sacchetti di droga liquida nel ventre dei cani in un laboratorio a Medellin, in Colombia, e con  una seconda operazioni li rimuoveva una volta arrivati negli Stati Uniti.

A seguito dell’arresto, le autorità hanno anche perquisito la fattoria che il veterinario utilizzava e hanno salvato i cani che ancora si trovavano lì: uno di loro è diventato un cane antidroga per la polizia nazionale colombiana, mentre un altro adesso è un cane poliziotto degli Stati Uniti.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”