Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, Trump minaccia Erdogan: “Distruggeremo economicamente la Turchia in caso di attacco ai curdi”

Immagine di copertina
Donald Trump

Il presidente turco ha fatto sapere che continuerà a combattere le milizie arabo-curde sostenute da Washington

Non si ferma il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’omologo turco Recep Tayyip Erdogan: il 14 gennaio 2019 l’inquilino della Casa Bianca ha minacciato di “devastare” l’economia della Turchia se l’esercito avvierà un’offensiva militare contro i combattenti curdi in Siria.

Tramite il suo account Twitter, il Tycoon ha anche proposto la creazione di una “zona sicura” di 30 chilometri. “Allo stesso modo, non voglio che i curdi provochino la Turchia”.

Le parole del presidente Trump hanno lasciato indifferente Erdogan, che tramite il suo portavoce ha fatto sapere che continuerà a combattere le milizie arabo-curde sostenute da Washington.

Non c’è “alcuna differenza” tra l’Isis e la milizia curda delle Unità di protezione del popolo e la Turchia “continuerà a combattere tutti loro”, ha affermato il portavoce del presidente, Ibrahim Kalin.

> Gli Usa non sono più una superpotenza e il discorso di Pompeo in Medio Oriente lo dimostra 

Il tour di Pompeo – Durante il fine settimana, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha riferito di aver parlato al telefono con il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu e si è detto “ottimista” sul fatto che si possa raggiungere un accordo con la Turchia per proteggere i combattenti curdi.

Parlando ad Abu Dhabi, Pompeo ha affermato che gli Stati Uniti hanno riconosciuto “il diritto del popolo turco e il diritto di Erdogan di difendere il proprio paese dai terroristi”.

“Sappiamo anche che quelli che combattono insieme a noi per tutto questo tempo meritano di essere protetti”.

Pompeo intanto prosegue il suo tour nel Medio Oriente e il 14 gennaio è arrivato nella capitale dell’Arabia Saudita per incontrare il re Salman bin Abdulaziz e il principe della Corona Mohammed bin Salman.

Gli obiettivi del Segretario di Stato sono principalmente due: conservare l’alleanza con l’Arabia Saudita e risolvere la questione legata all’omicidio del giornalista e dissidente saudita Jamal Khashoggi.

“Abbiamo avuto una politica che è stata notevolmente coerente rispetto a questo. Noi, come il resto del mondo, attribuiamo valore ai diritti umani a livello internazionale e l’omicidio di Jamal Khashoggi è stato oltraggioso, e faremo in modo che i responsabili siano considerati tali”, ha dichiarato in un’intervista alla Cbs.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Ti potrebbe interessare
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo
Esteri / Dalla Polonia al Brasile: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come