Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Spara sulla folla per un mancato parcheggio: una donna lo uccide a colpi di pistola

Immagine di copertina

Ancora una sparatoria con un morto negli Stati Uniti. Mercoledì scorso una donna ha ucciso con la sua pistola un uomo che, dalla propria auto, aveva iniziato a sparare con un fucile semiautomatico contro la gente presente a un party in strada. Questo il quadro reso noto dalla polizia di Charleston, in West Virginia. Nessuna strage ma le polemiche sull’uso delle armi da fuoco e sulla possibilità di difendersi da soli aumentano dopo la strage alla scuola elementare Robb di Uvalde, in Texas, di martedì scorso.

La donna possedeva regolarmente la pistola ed era presente fra i 30-40 partecipanti a una festa di compleanno tenuta mercoledì davanti a un condominio. Il morto si chiama Dennis Butler, 37 anni e precedenti penali. In teoria non poteva possedere un’arma da fuoco. Era stato invitato ad allontanarsi e a non parcheggiare la sua auto nello spazio dove si teneva il party. Secondo quanto riferito dalla polizia locale, Butler è tornato poco dopo armato di un fucile semiautomatico Ar-15 e ha iniziato a sparare dall’auto contro la folla, che comprendeva molti bambini. La donna, della quale non è stata rivelata l’identità e che non aveva esperienza nelle forze di sicurezza né particolare addestramento, invece di cercare riparo, ha estratto la sua arma e ha sparato contro l’uomo, uccidendolo. “Invece di fuggire o mettersi al riparo, ha affrontato la minaccia e ha salvato diverse vite umane – ha detto il portavoce della polizia, Tony Hazelett -. La donna è solo un membro della comunità che portava la sua arma legalmente”. La donna è rimasta sul posto e, una volta che la polizia ha accertato che l’arma era posseduta legalmente, è stata rilasciata senza alcuna denuncia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi