Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La generazione perduta

Immagine di copertina

Sono oltre un milione i bambini siriani rifugiati, molti soffrono disagi psicologici e sono costretti a lavorare

Mustafa ha 15 anni e vive con gli zii e la sorella minore a Zarqa, in Giordania. Quando era ancora in Siria, suo zio è stato torturato e ora non può lavorare, così Mustafa è costretto a mantenere la famiglia, lavorando in un negozio di scarpe per 5 euro al giorno. È orgoglioso di quello che fa, ma ha dovuto rinunciare ad andare a scuola.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr) sono oltre un milione i bambini siriani che, come Mustafa, sono diventati rifugiati dall’inizio della guerra civile nel 2011. La relazione, basata sulle interviste a 106 bambini in Giordania e 176 in Libano, condotte da luglio a ottobre, descrive le loro condizioni di vita lontani dalla Siria.

Fuggiti dagli orrori della guerra, i bambini soffrono spesso di disagio psicologico, vivono da soli o separati dai loro genitori, non ricevono alcuna istruzione e sono costretti a lavorare illegalmente per sopravvivere. Secondo il rapporto, nell’ultimo anno 304 bambini che vivono nel campo di Zaatari in Giordania, sono stati sottoposti a cure a causa di un disturbo da stress post-traumatico o di altri gravi disturbi emotivi. Alcuni di loro hanno problemi di sonno o di linguaggio, altri sono diventati aggressivi o iperattivi oppure più timidi o insolitamente tranquilli. Si sentono isolati e insicuri e per la maggior parte di loro la scuola è un ricordo o un sogno.

“Se non agiamo in fretta, una generazione di innocenti diventerà la vittima duratura di una guerra spaventosa”, ha commentato Antonio Guterres, Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, presentando la relazione.

Oltre la metà dei 2,2 milioni rifugiati siriani sono bambini e circa 3.700 di loro vivono senza i genitori. Dal rapporto risulta che 385 mila bambini vivono in Libano, 294 mila in Turchia e 291 mila in Giordania, ma si registrano molti giovani rifugiati anche in Iraq e in Egitto.

Molti bambini sono inoltre apolidi, dal momento che il Paese ospitante dove sono nati non riesce a registrare tutte le nascite avvenute nei campi profughi. Secondo il rapporto, circa il 77 per cento dei 781 bambini profughi intervistati in Libano non aveva un certificato di nascita ufficiale e solo 68 certificati di nascita sono stati emessi nel 2013 per i bambini nel campo profughi di Zaatari in Giordania.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se siete in questa chiamata siete licenziati”: manager dà il benservito a oltre 900 dipendenti su Zoom
Esteri / India, adolescente decapita la sorella con l’aiuto della madre
Esteri / Processo a Patrick Zaki: firmato ordine di scarcerazione in attesa dell’udienza del primo febbraio
Esteri / La foto di famiglia del deputato Usa tra albero di Natale e armi. È polemica
Esteri / Francia, scontri al primo comizio di Zemmour: il candidato di estrema destra afferrato al collo
Esteri / “La vaccinazione può proteggere da questo”, ospedale tedesco mostra tutti farmaci usati contro il Covid in terapia intensiva
Cronaca / Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere
Esteri / Papa Francesco a Lesbo tra i richiedenti asilo: “Fermiamo questo naufragio di civiltà”
Esteri / Orrore in Germania, cinque morti in una casa: tre sono bambini
Esteri / Il canale della morte: il fotoreportage sulla strage nella Manica su TPI