Austria, triplice omicidio in una famiglia nobile: conte uccide padre, madre e fratello

L'omicida scritto due lettere in cui raccontava tutta la sua frustrazione per il proprio stato di salute e per i rapporti con la propria famiglia

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 15 Dic. 2018 alle 12:39 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:43
0
Immagine di copertina

Il piccolo paese austriaco di Stetten, a 30 chilometri da Vienna, è stato sconvolto da un triplice omicidio, consumatosi all’interno della nobiltà del luogo.

A seguito dell’ennesima lite, il conte Anton Goess, di 54 anni, ha ucciso a colpi di fucile il padre Ullrich Goess-Enzenberg, 92 anni, il fratello minore Ernst, 52 anni, e la matrigna, la contessa Margherita Cassis Faraone, 87 anni, originaria di Terzo di Aquileia in provincia di Udine.

I vicini di casa hanno chiamato la polizia per denunciare quanto accaduto, raccontando di aver udito cinque colpi. La notizia dell’omicidio è stata data anche da Il Piccolo di Trieste il 15 dicembre 2018.

Anton Goess ha subito confessato di aver ucciso la famiglia dopo essere stato fermato dalla polizia e non ha opposto resistenza. La Procura di Korneuburg, che gestisce le indagini, ha disposto nei confronti dell’uomo tre perizie: una tossicologica, una psichiatrica e una di medicina legale.

L’omicida anche scritto due lettere in cui raccontava tutta la sua frustrazione per il proprio stato di salute e per i rapporti con la propria famiglia.

Anton Goess ha scritto di essere stato costretto per anni “a vivere sotto la pressione di un padre-padrone” e di aver per questo “maturato un profondo sentimento di odio” nei suoi confronti.

Nella lettera, l’uomo parla di come la vita familiare fosse peggiorata anche a causa di problemi relativi alla gestione dell’azienda vitivinicola, seguita dai due fratelli dopo che una terza sorella aveva lasciato l’Austria alcuni anni prima per convertirsi all’islam.

Ad una situazione familiare complessa si aggiungono i problemi di salute: Anton Goess ha da tempo forti dolori alla testa.

La settimana prima dell’omicidio la famiglia si era riunita nella dimora di Stetten per festeggiare il novantaduesimo compleanno di Ullrich Goess-Enzenberg e i litigi erano ricominciati.

I Goess-Enzenberg sono noti per la loro produzione vinicola tra le famiglie nobili della Muhlviertel e la contessa Margherita Cassis Faraone era tra i soci fondatori, la prima proprietaria, del Teatro Verdi di Trieste dove anni fa aveva un palco.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.