Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Il ragno più spaventoso del mondo è arrivato in Italia: dove si trova e come evitarlo

Immagine di copertina
Un esemplare di macrothele calpeiana

Originario della Spagna, il macrothele calpeiana è stato portato insieme agli ulivi ornamentali importati dall'estero, e ora non è più considerato una specie aliena

È stato avvistato in Italia il ragno più grosso d’Europa. La scoperta è stata fatta in Toscana, in piena estate, e gli entomologi hanno confermato che si tratta di un macrothele calpeiana, della specie Mygalomorphae, un infraordine di aracnidi che solitamente vivono in Africa o nel sud della Spagna.

Quattro occhi, il corpo nero lucido e ricoperto di peli, e un morso doloroso ma non velenoso: gli esemplari maschi del ragno “iberico” possono raggiungere i 5 centimetri, le femmine crescono fino agli 8 centimetri. E mygalomorphae in greco sul dire “simile a un toporagno”, proprio per le sue dimensioni.

Il macrothele calpeiana è sbarcato in Italia insieme agli ulivi ornamentali importati dalla Spagna, per poi diffondersi negli uliveti e nei terreni umidi: preferisce ambienti piovosi e non esposti al freddo.

Per cacciare, questo ragno tesse delle ragnatele a trama molto fitta oppure ragnatele a imbuto per intrappolare le sue prede.

In Spagna, nelle zone dove è proliferato, si stimano oltre 4 milioni di esemplari. In Italia le segnalazioni sono molto rare, ma non è la prima volta che ne viene avvistato uno. Prima del ritrovamento in Toscana nel luglio 2018, ne fu trovato uno due anni fa a Segrate, nel milanese.

Per questo motivo non viene più considerata una specie aliena nel nostro paese, dove trova un habitat favorevole e simile a quello delle sue zone d’origine.

Come racconta Il Tirreno, il ritrovamento è avvenuto alla fine di luglio quando qualcuno ha portato i resti di un grosso aracnide, trovato nella campagna tra Venturina e Suvereto, al Centro di entomologia Microcosmo.

“Si tratta del più grande ragno d’Europa – ha confermato il direttore del centro – ma anche se le dimensioni sono notevoli, non è né pericoloso né velenoso“.

Per questo motivo non c’è motivo di ucciderlo, ma buone ragioni per evitarlo. A causa della grandezza delle chele, il morso del macrothele è molto doloroso.

Chi riuscisse ad avvistarne e catturarne uno, può mettersi in contatto con l’Ente nazionale protezione animali, che si occupa di registrarne la presenza sul territorio italiano.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre