Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Macellazione artigianale di polli, 180mila cittadini dicono basta. Il video delle violenze

Immagine di copertina
Credit: Animal Equality

Macellazione artigianale di polli, 180mila cittadini dicono basta. Il video delle violenze

Polli allevati in condizioni terribili e, a sole poche settimane di vita, sgozzati talvolta senza un adeguato stordimento, quindi mentre sono ancora coscienti. È quello che mostra un nuovo video rilasciato da Animal Equality, organizzazione internazionale per la protezione animale, sulla macellazione artigianale di polli.

Le scene mostrate nel filmato, ottenuto da un informatore, non provengono da un lontano macello industriale, in un paese straniero, ma da un macello artigianale di polli italiano.

“A differenza di quello che pensano molti cittadini, non vi è alcuna differenza tra un macello industriale e un macello di dimensioni inferiori, come quello documentato nel video”, si legge nel comunicato stampa di Animal Equality. “Spesso vi è la percezione di una differenza anche a livello di rispetto degli animali, ma non è così”.

L’organizzazione ricorda che in Italia lo stordimento è obbligatorio per tutti gli animali prima dell’abbattimento. Ma – secondo la legge italiana –  sono previste solo sanzioni amministrative per chi viola le prescrizioni sulla procedura di macellazione, che nei casi più gravi prevedono la pena pecuniaria di 6mila euro.

“Questa mancanza di conseguenze penali concrete, insieme alla totale assenza di controlli severi, comporta una maggiore leggerezza nella gestione di questa fase da parte degli operatori che lavorano nei macelli e, come dimostra questo video di Animal Equality, spesso costringe gli animali a subire atroci torture”, prosegue il comunicato.

Per questa ragione, l’organizzazione ha lanciato una petizione rivolta al Parlamento proprio per ottenere, fra le varie richieste, l’installazione di telecamere a circuito chiuso nei macelli e il rispetto dello stordimento senza deroghe ed eccezioni.

Alla petizione online hanno già aderito 180mila cittadini.

“Questo video dimostra che è necessario introdurre delle norme specifiche per la tutela degli animali che vengono macellati nel nostro paese, qualunque sia la dimensione del macello o il numero degli animali uccisi all’interno della struttura, anche perché lo stordimento si rivela spesso inefficace”, dichiara Matteo Cupi, direttore esecutivo di Animal Equality Italia. “Ovviamente sappiamo che le norme che proponiamo non sono la soluzione alle sofferenze che gli animali vivono nei macelli. Infatti i consumatori possono aiutare per primi i polli facendo scelte alimentari mirate, come ridurre o evitare il consumo di carne”.

Qui il video:

ESCLUSIVO: “Ho lavorato sotto copertura negli allevamenti intensivi. Ecco cosa ho visto”
Macellati ancora coscienti, presi a calci e gonfiati col compressore: così vengono torturati gli agnelli in Italia
Macelli di bovini in Italia: una video-inchiesta svela la crudeltà sugli animali, sgozzati ancora coscienti e lasciati ad agonizzare
Dall’incubatoio al macello, la terribile vita dei polli in una video-inchiesta
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi di sempre
Ambiente / Wwf, almeno 160 le specie estinte negli ultimi dieci anni. C’è la mano dell’uomo
Ambiente / Altro che oro! I Lego rendono molto di più
Ambiente / C’è un albero in Alaska che può salvare il mondo
Ambiente / La salute riproduttiva delle donne viaggia sulle gobbe di un cammello
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ambiente / Che asfalto mi metto? Come cambiare strada e guadagnarci (di L. Telese)
Ambiente / Stop all’allevamento di animali da pelliccia
Ambiente / Come ripulire gli oceani con YouTube
Ambiente / Alaska, il termometro arriva a 19,4°: è la temperatura più alta mai registrata a dicembre