Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Dove c’è inquinamento c’è maggiore criminalità, lo rivela uno studio

Immagine di copertina
Credit: AFP

L’aria che respiriamo incide anche sul nostro stato d’animo. In futuro la polizia potrebbe combattere il crimine monitorando i livelli di inquinamento nelle città.

Queste parole possono sembrare la sceneggiatura di un film di fantascienza ma secondo recenti studi corrisponde alla verità: di fatto stando ad alcuni rilevamenti l’inquinamento atmosferico può essere collegato alla comparsa di disagi come disturbi mentali, aumento della criminalità o cattivo rendimento scolastico.

Questi risultano suonano ancora più allarmanti se si pensa che la maggior parte della popolazione mondiale vive in aree urbane ad alta congestione come conferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità secondo cui 9 persone su 10 respirano regolarmente aria inquinata.

L’inquinamento atmosferico uccide sette milioni di persone all’anno: sono inclusi anche i reati di omicidio?

Nel 2011 Sefi Roth, un ricercatore della London School of Economics, ha studiato gli effetti dell’inquinamento riscontrando gli alti tassi di ricoveri e decessi e altri tipi di impatto sulle nostre vite.

Per iniziare ha analizzato come l’inquinamento potesse avere conseguenze sulle prestazioni cognitive di un individuo. Roth assieme al suo team fece un esperimento su alcuni studenti.

I ragazzi hanno eseguito dei compiti in classe in differenti giornate durante le quali venivano registrati anche i livelli di inquinamento.

Il risultato dell’esperimento ha mostrato come le prestazioni e il livello di inquinamento fossero inversamente proporzionali: nei giorni di maggior inquinamento il rendimento degli studenti era stato peggiore e viceversa.

Per determinare anche gli effetti sul lungo termine Roth ha ripetuto l’esperimento a distanza di dieci anni confermando la sua tesi iniziale: chi aveva fatto un cattivo esame, causa inquinamento, non aveva ottenuto un buon posto di lavoro ben remunerato al contrario di chi aveva passato il test con buoni voti.

Nel 2016 altri studi portati a termine sempre da Roth hanno confermato quanto l’inquinamento possa influenzare la produttività.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Earthship, la casa fatta di rifiuti e materiali ecosostenibili
Ambiente / Filippine: la salvezza delle mangrovie dipende dalle donne
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Earthship, la casa fatta di rifiuti e materiali ecosostenibili
Ambiente / Filippine: la salvezza delle mangrovie dipende dalle donne
Ambiente / Salviamo il riso dai cambiamenti climatici
Ambiente / Scoperto un nuovo pesce “trasparente”
Ambiente / La Norvegia dice addio alle miniere di carbone nell’Artico
Ambiente / Negli ultimi dieci anni è scomparso quasi un corallo su sei in tutto il mondo
Ambiente / Svolta ecologica? Con Cingolani no di certo: va pazzo per atomi e trivelle
Ambiente / Luca Mercalli a TPI: “A Draghi and Co. dico che non c’è crescita infinita in un mondo di risorse limitate”
Ambiente / Altro che prodotti finanziari ecologici: ecco tutte le bugie dei fondi green
Ambiente / Amata dai giovani, temuta dai potenti: i miei tre giorni con Greta Thunberg