Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:47
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Entri con il cane al ristorante? Paghi il coperto in più

Immagine di copertina

Una strategia per disincentivare i clienti che portano gli amici a quattro zampe a cena fuori

Un ristorante in Italia ha preso la controversa decisione di far pagare i proprietari che introducono i loro cani nei ristoranti.

Leggi anche: “Non fanno entrare il cane guida in chiesa”

Scelta difficile – Il ristorante La Torre, in via San Vito 37 a Albettone a Vicenza ha deciso di far pagare il coperto anche ai clienti a quattro zampe. Il locale comprende circa 150 coperti ed è tra i più frequentati della Riviera Berica. Non si tratta di una questione di “discriminazione” verso gli animali, “che da noi sono sempre stati i benvenuti”, dicono i titolari, sembra più un tentativo poco lungimirante di dirigere il traffico.

Coperto in più – Dal primo gennaio 2019, i clienti che arriveranno al loro ristorante con i cani al seguito dovranno pagare due euro di coperto anche per loro, esattamente uguale alle persone. Il coperto include una ciotolina per l’ acqua e le eventuali operazioni di pulizia necessarie alla fine del pasto.

Cani difficili – Alcuni animali che vengono portati  all’interno del ristorante sono molto agitati. Uno dei proprietari è il sindaco della città e racconta di un cane piccolissimo che “Fece una pipì sterminata in un angolo della sala principale”, costringendo suo fratello Devid a pulire fino alle due di notte. “Almeno avesse pagato il coperto”, disse Devid, e da quel momento cominciarono a pensare alla strategia del coperto.

Nel menù – Sul cartello informativo del nuovo corso, si legge infatti: «La direzione si riserva la decisione di far entrare o meno animali nel proprio locale». Insomma, cani grandi no, cani che abbaiano no, cani bagnati no: «Non è ipotizzabile che chi viene con la famiglia si trovi al fianco un alano più alto del bimbo undicenne, che sbava e puzza di umidità», ha dichiarato Fabio Formaggio.

Le lamentele – “Io e i miei fratelli abbiamo dei cani”, spiega uno degli altri fratelli, “ma ho anche tre figli piccoli e preferisco i loro schiamazzi ai guaiti del mio golden retriver. In un ristorante la priorità sono le persone che mangiano”.

La legge – Non esiste una norma che regoli la presenza di animali nei ristoranti, c’è una libertà imprenditoriale. Una volta rispettate le norme igienico-sanitarie, ogni cosa è lecita. Anche far pagare Lilli e il Vagabondo che vogliono mangiarsi un romantico piatto di spaghetti.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ambiente / Record di attivisti ambientali uccisi nel 2020: morti per difendere il Pianeta
Ambiente / Emergenza rifiuti: “Tra un anno e mezzo le discariche del Sud saranno piene”
Ambiente / L’inquinamento uccide più del fumo, degli incidenti stradali e delle guerre: toglie due anni di vita
Ambiente / Le università di Berlino bandiscono la carne dalla mense: “È una scelta rispettosa per il clima”
Ambiente / L’incoerenza dei fondi green: tra gli investitori ci sono le grandi società inquinanti
Ambiente / Un miliardo di bambini è esposto a rischi “estremamente alti” per la crisi climatica
Ambiente / Allarme rosso per i ghiacciai: sotto i 3.500 metri spariranno entro il 2050