Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Ambiente

Le spettacolari foto degli angeli di mare, i misteriosi animali che non avevate mai visto

Immagine di copertina
Credit: Alexander Semenov

Alexander Semenov, un biologo marino, durante una delle immersioni nel Mar Bianco in Russia, ha scovato sotto il ghiaccio i cosiddetti “Angeli di Mare”, creature dai colori accesi e luminosi. Sotto i ghiacciai di quella zona adiacente il Mar Glaciale Artico Semenov ha scovato i misteriosi Clione limacina – questo il nome scientifico degli angeli di mare – chiamati in maniera così evocativa perché il loro incedere nelle acque è armonioso e possibile soltanto con l’utilizzo di quelle che comunemente vengono chiamate ali.

La foto di questi molluschi è stata condivisa dallo stesso Semenov su facebook dove ha spiegato: “Gli angeli di mare sono creature bellissime e misteriose. Questi molluschi pteropodi di acqua fredda sono tra gli oggetti più studiati in neurobiologia, ma allo stesso tempo si sa poco del loro ciclo di vita. A un certo punto appaiono improvvisamente sotto un tappo di ghiaccio che copre il mare, e in poche settimane ce ne sono tantissimi”.

Gli angeli di mare hanno una dimensione che varia dai 3 ai 5 centimetri, scrive il biologo e oltre a costituire “una vista spettacolare sono particolarmente misteriosi. Questo perché dopo un paio di settimane dalla nascita “si trasformano in angeli adulti, che scompaiono non appena l’acqua si riscalda a 3-5 gradi Celsius. Nessuno sa dove vanno ma l’inverno successivo, a febbraio, appaiono di nuovo sotto il ghiaccio”.

Si sa inoltre, spiega Semenov, “che possono sopravvivere senza cibo per più di sei mesi, riducendo significativamente le loro dimensioni durante questo periodo”. Il biologo conclude: “Nessuno è mai riuscito a seguire la loro vita nell’Artico in modo da poter capire dove vadano” quando scompaiono.

LEGGI ANCHE:

1. Le spettacolari foto delle cascate ghiacciate nel Nord America 2. Il mondo visto dall’alto: 20 spettacolari foto scattate con un drone

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Olocausto climatico: così il riscaldamento globale rischia di far scomparire le più grandi foreste del mondo
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Olocausto climatico: così il riscaldamento globale rischia di far scomparire le più grandi foreste del mondo
Ambiente / I guardiani della Terra: reportage da Torino con gli attivisti del clima
Ambiente / È arrivato l’abbonamento cartaceo del settimanale di The Post Internazionale
Ambiente / TPI Fest Bologna 2022 | La Festa di The Post Internazionale (15-16-17 settembre) | Programma e Ospiti
Ambiente / Strage di squali all’Elba per mano di pescatori
Ambiente / In 60 anni foreste diminuite del 60% a persona: oggi mezzo ettaro a testa
Ambiente / Greta non si presenta al summit Fridays for Future a Torino. C’è chi parla di “De-Gretizzazione” del movimento
Ambiente / A Torino il meeting europeo dei Fridays for Future con Greta Thunberg
Ambiente / Gli iceberg della Groenlandia hanno perso 6 miliardi di tonnellate d’acqua al giorno
Ambiente / Incendi, continua l’emergenza: in fiamme il Carso e la Versilia. Atene, brucia la periferia nord: 12 feriti