Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il trailer di “Natale a 5 stelle”, il primo cinepanettone firmato Netflix | VIDEO

A fare da filo rosso alla classica commedia natalizia è la satira politica. Online sulla piattaforma sreaming dal 7 dicembre

Dal 7 dicembre su Netflix è online il primo cinepanettone firmato dal colosso dello streaming. Si intitola “Natale a 5 stelle” e a fare da sfondo alla classica irrinunciabile commedia natalizia è la satira politica.

La sceneggiatura è firmata da Enrico Vanzina, dietro la telecamera c’è l’occhio esperto di Marco Risi. Massimo Ghini, Ricky Memphis, Martina Stella, Riccardo Rossi e Biagio Izzo sono solo alcuni dei nomi di un cast che già promette bene.

La trama

“Natale a 5 Stelle” si rifà alla commedia Out of Order di Ray Cooneey. Il Natale è alle porte e una delegazione politica italiana, guidata dal presidente del Consiglio, parte per l’Ungheria, in visita ufficiale.

Tra un impegno politico e l’altro, però, il premier vorrebbe trascorrere del tempo insieme a una giovane onorevole dell’opposizione che viaggia insieme alla delegazione.

La fuga romantica dei due politici sembra procedere per il meglio, finché i due non scoprono un cadavere nella loro camera dell’hotel extra lusso in cui alloggiano. A quel punto, nel panico, i due scelgono quella che ritengono essere la via più sicura per non far uscire allo scoperto la macabra storia e, soprattutto, la scappatella. Decidono così di affidare i loro destini (politici, soprattutto) al portaborse del premier.

Come va a finire la stramba vicenda lo scopriamo il 7 dicembre, quando il film arriva su Netflix.

La politica

“È un film che ho lungamente immaginato insieme a mio fratello Carlo”, ha detto Enrico Vanzina, “già due anni fa eravamo andati a fare i sopralluoghi a Budapest, dove volevamo ambientare la storia. Ma la sua malattia e in seguito la sua prematura scomparsa gli hanno impedito di realizzarlo”.

La scelta di Marco Risi alla regia, però, non è casuale. “È stato proprio Carlo a indicare Marco Risi, suo grande amico, come possibile sostituto per la regia. Si tratta di una commedia classica, con ritmo e dialoghi frenetici”, ha continuato Vanzina.

“La grande novità è che questo film di Natale affronta per la prima volta un tema politico. Lo fa con assoluta leggerezza, senza moralismi, ma con pungente ironia. Per anni si è detto che la politica italiana assomigliava ‘ai film dei Vanzina’. Stavolta però, la politica entra in maniera prepotente proprio in ‘un film dei Vanzina’”, ha spiegato ancora Vanzina.