Me
La storia di Souhour, rifugiata e disabile, accolta da una famiglia di libanesi
Condividi su:
Bekaa valley, Libano

La storia di Souhour, rifugiata e disabile, accolta da una famiglia di libanesi

Nella Giornata mondiale del rifugiato, GVC racconta come agisce per sostenere le persone più vulnerabili nelle aree al confine con la Siria

20 Giu. 2018
Bekaa valley, Libano

Vivere in un campo per i rifugiati, al confine con il Libano, è ancora più difficile se si ha una disabilità.

La storia di Souhour è una storia di rispetto, solidarietà e mutualità, quella tra Souhour, giovane disabile siriana, e la famiglia di Abu Ali, proprietario di una fattoria nel governatorato di Hermel, nel Nord della Valle della Bekaa, in Libano.

Bekaa valley, Libano

Quando Abu l’ha vista abbandonata per le strade di Zahle, ha subito contattato l’ufficio di GVC che offre servizi di accoglienza, idrici e igienico sanitari nei campi informali della zona in cui vivono 200.000 rifugiati.

Commosso, l’uomo ha deciso di accogliere sulle sue terre la famiglia di Souhour. Ora, la giovane vive in una tenda nel cortile della sua casa e ha stretto amicizia con la figlia di Abu, sua coetanea.

Bekaa valley, Libano

Pochi giorni fa, grazie al sostegno di ECHO – European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations, GVC ha consegnato una latrina progettata appositamente per chi ha una disabilità e vive nei campi. Per lei è stato un giorno di festa. L’unico modo per comunicare la sua felicità è stato inserire una fila infinita di cuoricini sul suo cellulare.

È così, con un vecchio smartphone, che comunica con il mondo esterno e che risponde alle domande di Leila, operatrice di GVC in Libano.

Costretta su una sedia a rotelle, la giovane ha forti difficoltà espressive. Originaria della città di Homs, ha dovuto abbandonare la Siria insieme alla madre e alla sorella.

Bekaa valley, Libano

Insieme a loro, ora vive in una tenda ad Al Qasr, al confine tra Siria e Libano. Le difficoltà motorie aggravano fortemente le condizioni di vita di chi ha una disabilità nei campi, contribuendo a isolare ancora di più chi già soffre a causa di discriminazioni e difficoltà nell’accesso all’istruzione in Libano.

Per questo GVC ha deciso – tra le prime organizzazioni al mondo – di consegnare delle latrine appositamente disegnate per i disabili nei campi informali in Libano.

In favore dei rifugiati, Gvc opera nel paese per favorire la coesione sociale, l’inclusione e l’integrazione dei rifugiati, oltre a sostenerli con azioni volte a soddisfare i loro bisogni attraverso la distribuzione di tende per l’accoglienza, la riabilitazione dei servizi idrici e la distribuzione di servizi igienico sanitari.

Bekaa valley, Libano

Interviene con azioni mirate a sostenere I più vulnerabili e contemporaneamente per migliorare I servizi per l’intera comunità, in una terra che accoglie un milione di siriani registrati, il più alto numero pro capite al mondo, che ha una superficie pari a 10.452 km e una popolazione che si aggira intorno ai 4.227.597 abitanti.

Bekaa valley, Libano

Favorire l’integrazione dei disabili in Libano è una sfida ulteriore, in un contesto in cui le scarse tutele per chi ha una disabilità fisica o psichica spesso si traducono in abbandono scolastico da parte dei rifugiati e in isolamento ed esclusione per le famiglie che affrontano da sole le difficoltà derivanti dalla malattia dei loro figli.

Le foto sono di Lorenzo Tugnoli per GVC Libano

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus