Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa accade quando si trattiene uno starnuto

Gli esperti della Saint Louis University School of Medicine hanno spiegato le terribili conseguenze di contrarre o sopprimere uno starnuto

Immagine di copertina

Alcune persone possono provare vergogna nello starnutire di fronte ad altre e questo sentimento le induce a inibire gli starnuti, o a sopprimerli completamente.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Questa pratica però è molto più pericolosa di quanto possa sembrare e gli esperti della Saint Louis University School of Medicine degli Stati Uniti la sconsigliano con decisione: “Fermare lo starnuto bloccando le narici e la bocca è una manovra pericolosa e va evitata”.

Bloccare uno starnuto può infatti “portare a numerosi complicazioni come lo pneumomediastino, la perforazione della membrana timpanica e persino la rottura di un aneurisma cerebrale”, aggiunge uno studio pubblicato sulla rivista medica BMJ.

I medici della Saint Louis ne hanno avuto prova studiando il caso di un ragazzo britannico giunto in ospedale a causa di uno starnuto trattenuto.

Quando il ragazzo arrivò in ospedale fu immediatamente visitato e fu notata una profonda fessura al torace.

L’uomo aveva la faringe spaccata e un buco nella zona in cui questa si collega con l’esofago, il suo corpo presentava inoltre delle bolle d’aria tra il tessuto della pelle.


La radiografia a raggi infrarossi della zona retrofaringea. Credit: British Medical Journal

A causa della rottura della faringe, il paziente rimase in ospedale per diversi giorni, nutrendosi attraverso un tubo.

Solo dopo due mesi riuscì a tornare a masticare autonomamente.

Una rottura di questo tipo è più comune dopo un forte trauma al collo ma, nonostante sia rara, si verifica anche quando si vomita, si tossisce, o proprio quando si trattiene uno starnuto.

Una delle grandi difficoltà di questo patologia è che, essendo molto rara, di solito è difficile da diagnosticare e quindi curare.

“Non raccomanderei di sopprimere uno starnuto in alcun modo, né pizzicando il naso, né trattenendolo con la gola”, ha detto Alan Wild, chirurgo e assistente di otorinolaringoiatria alla Saint Louis University School of Medicine.

“Strofinare il naso, respirare con forza attraverso il naso o premere sul labbro superiore sotto il naso può alleviare la voglia di starnutire, ma una volta che lo starnuto inizia, è preferibile lasciarlo andare”, sostiene il dottor Wild.

Uno starnuto bloccato potrebbe: causare lesioni al diaframma, rompere un vaso sanguigno negli occhi, causare veri e propri lividi nella superficie bianca attorno all’iride, inoltre forzare l’aria nelle orecchie potrebbe causare un la rottura del timpano o una semplice lesione che potrebbe causare vertigini o perdita dell’udito, indebolire un vaso sanguigno nel cervello e causarne la rottura a causa dell’elevazione momentanea della pressione sanguigna.

“Il rischio di un infortunio è basso ma potresti essere sfortunato”, ha aggiunto Wild.

Bisogna inoltre stare attenti a non starnutire violentemente: uno starnuto violento potrebbe infatti causare un infortunio al collo a causa di un’improvvisa estensione oppure causare incontinenza momentanea.