Me

È di Emiliano Sala il corpo ritrovato sull’aereo che era scomparso nel Canale della Manica

Il calciatore italo-argentino si trovava a bordo di un aereo, scomparso dai radar mentre sorvolava la Manica il 21 gennaio scorso

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 8 Feb. 2019 alle 08:37 Aggiornato il 8 Feb. 2019 alle 08:38
Immagine di copertina
Tifosi del Nantes in lutto per la scomparsa del calciatore Emiliano Sala, 28 anni. Credit: AFP

Il corpo rinvenuto nell’aereo ritrovato nel Canale della Manica è del calciatore Emiliano Sala. A confermarlo è la polizia, dopo il riconoscimento.

Domenica 3 febbraio era stato ritrovato l’aereo su cui viaggiava il calciatore italo argentino Emiliano Sala scomparso il 21 gennaio scorso. All’interno del velivolo era visibile il corpo di una persona, come rende noto la Air Accident Investigation Branch (AAIB), l’agenzia investigativa britannica per gli incidenti aerei che coordina le ricerche.

Leggi anche: Il portafogli sotto al mare. Il Nantes chiede i soldi per Emiliano Sala, il calciatore morto in un incidente aereo

Il 4 febbraio era stato individuato un corpo, che si è scoperto essere del calciatore, dopo il riconoscimento.

“Tragicamente, un occupante è visibile tra le macerie. L’AAIB sta ora valutando i prossimi passi, consultandosi con le famiglie del pilota e del passeggero oltre che con la polizia”, ha scritto l’Agenzia.

Credit: Air Accident Investigation Branch

Dopo giorni di ricerche nel Canale della Manica è stato ritrovato il velivolo che avrebbe dovuto portare l’attaccante in Gran Bretagna. (qui le foto postate sul suo profilo Twitter).

Nel relitto del Piper Malibu non vi è traccia del pilota David Ibbotson.

Sala si trovava a Nantes per un ultimo incontro con i compagni di squadra, prima di volare verso Cardiff, dove aveva firmato un accordo nella sessione invernale di calciomercato solo pochi giorni prima per una cifra record di 17 milioni di euro.

L’aereo è stato scoperto da una delle barche impegnate nella ricerca attivata grazie al crowdfunding lanciata dai familiari, amici e giocatori di Sala.

Qui sotto l’ultimo audio di Emiliano Sala.

“Sono qui a bordo dell’aereo che sembra andare in pezzi, e vado a Cardiff. Se tra un’ora e mezza non hanno nessuna mia notizia, non so se manderanno qualcuno a cercarmi perché non mi troveranno. Papà! Che paura che ho”: questo l’ultimo messaggio del calciatore argentino.

Sono stati i media argentini a diffondere la voce dell’attaccante prima della scomparsa dell’aereo dal raggio dei radar a circa 12 chilometri a nord dell’isola di Guernsey, di fronte alla costa bretone.

Il tono di Sala nell’audio è molto estraniante: appare infatti calmo e pacato nel livello di voce. Ma le sue parole assumono una connotazione diversa alla luce degli eventi successivi.

“Spero che l’aereo abbia sbagliato aeroporto e lo troviamo vivo, questo è tutto”: con queste parole anche Diego Armando Maradona aveva espresso la sua preoccupazione per la sorte del suo compagno argentino.