Me

Corruzione per l’assegnazione dei Mondiali in Qatar, arrestato Platini: “Totalmente estraneo ai fatti”

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 18 Giu. 2019 alle 10:13 Aggiornato il 18 Giu. 2019 alle 15:36
Immagine di copertina
Credit: Massimiliano Ferraro/NurPhoto

Platini arrestato | Corruzione Mondiali Qatar | I motivi dell’arresto | Chi è

Platini arrestato – Michel Platini, ex presidente della Uefa, è stato arrestato in Francia nell’ambito dell’inchiesta per corruzione sull’assegnazione dei Mondiali di calcio in Qatar nel 2022.

Secondo quanto riportano i media francesi, Platini è accusato di “presunti atti di corruzione attiva e passiva di dipendenti non pubblici”. Sono coinvolti nella vicenda anche Sophie Dion e Claude Gueant, ex consiglieri di Nicolas Sarkozy quando questi era presidente di Francia.

Il dirigente calcistico è sottoposto a fermo: in mancanza di una confessione o di gravi indizi a suo carico, potrebbe essere rilasciato entro 24 o 48 ore.

Perché Platini è stato arrestato

Platini – uno dei più grandi calciatori europei della storia, ex campione della Juventus – è stato presidente della Uefa (il massimo organismo europeo del calcio) dal gennaio 2007 all’ottobre 2015, quando lasciò l’incarico perché accusato di avere illecitamente percepito 2 milioni di franchi svizzeri nel 2011 dall’allora presidente della Fifa, Sepp Blatter, come compenso per consulenze svolte tra il 1999 e il 2002.

Queste accuse portarono la Fifa a squalificarlo da tutte le attività calcistiche per otto anni, poi ridotti prima a sei e poi a quattro. Nel maggio 2018, tuttavia, Platini è stato scagionato dalla magistratura svizzera, che non ha riscontrato irregolarità nel suo operato.

Platini arrestato | Corruzione Mondiali Qatar

Platini è stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta per corruzione sull’assegnazione dei Mondiali di calcio del 2022. Il caso fu sollevato nel 2014 dal quotidiano britannico The Sunday Times.

Secondo l’ipotesi accusatoria, lo sceicco qatariota Mohamed bin Hammam tra il 2008 e il 2011 avrebbe versato tangenti di cospicuo valore a diversi importanti dirigenti del calcio mondiale per assicurare al suo paese, il Qatar, l’assegnazione della Coppa del Mondo.

Nel dicembre del 2010 nella sede della Fifa a Zurigo, in Svizzera, è stato deciso di assegnare i Mondiali 2022 proprio al Qatar. Sull’onda delle controversie sorte in merito, la Fifa ha condotto una indagine interna che non ha tuttavia riscontrato alcuna irregolarità nell’assegnazione della competizione.

Platini arrestato | I motivi dell’arresto

Michel Platini è stato arrestato nella mattina di martedì 18 giugno 2019 in Francia. L’ex presidente della Uefa è attualmente in custodia negli uffici dell’anticorruzione della polizia di Nanterre, vicino Parigi [i motivi dell’arresto].

Platini è finito in manette, come detto, nell’ambito dell’inchiesta per presunta corruzione sull’assegnazione dei Mondiali di calcio del 2022 in Qatar. Il dirigente è accusato di “presunti atti di corruzione attiva e passiva di dipendenti non pubblici” nelle procedure di assegnazione della Coppa del Mondo.

Nella vicenda sono coinvolti anche Sophie Dion e Claude Gueant, ex consiglieri dell’ex presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy.

Platini con il Pallone d’oro vinto nel 1984

Platini arrestato: “Estraneo ai fatti”

Michel Platini “non ha assolutamente niente da rimproverarsi e afferma di essere totalmente estraneo ai fatti”. Lo riferisce un comunicato dei collaboratori dell’ex presidente dell’Uefa fermato oggi dalla polizia francese. “Non si tratta in alcun modo di un arresto ma viene ascoltato come testimone, in una condizione voluta dagli inquirenti che permette di evitare che le persone ascoltate possano accordarsi fuori dalla procedura”, precisa il comunicato diffuso dai media francesi.

Platini arrestato | Chi è

Michel Platini è stato uno dei più grandi calciatori della storia. Pallone d’oro per tre volte consecutive (1983,84 e 85), ha vissuto gli anni migliori della sua carriera nella serie A italiana, vestendo la maglia della Juventus dal 1982 al 1987.

Chiusa la carriera da calciatore, è stato per quattro anni allenatore della nazionale francese, per poi iniziare la carriera da dirigente, che ha raggiunto il suo culmine nel 2007 con l’elezione a presidente della Uefa, il massimo organismo europeo del calcio.

Michel Platini è nato il 21 giugno 1955 a Joeuf, nel nord della Francia, da una famiglia originaria del Piemonte.

Centrocampista di grande tecnica, specialista nei calci di punizione, firmò il suo primo contratto da professionista con il Nancy, con cui debuttò in prima squadra all’età di 17 anni.

Nel 1979 si trasferì al Sant’Etienne, che all’epoca era la squadra più forte di Francia. Le ottime prestazioni attirarono su di lui le attenzioni dei migliori club europei, tra cui la Juventus, che nell’estate del 1982 acquistò il suo cartellino per 250 milioni di lire.

Platini era un pallino del patron bianconero, Giovanni Agnelli, con cui nel corso degli anni stabilì un rapporto di grande vicinanza.

Nel 1984, da capitano della Francia, vinse l’Europeo, mentre l’anno seguente con la maglia della Juventus alzò la Coppa dei Campioni nel teatro insanguinato dello stadio Heysel.

Ritiratosi nel 1988, dopo pochi mesi accettò di diventare il nuovo commissario tecnico della nazionale francese. Sulla panchina dei “galletti” rimase fino al 1992, quando agli Europei di Svezia i francesi furono eliminati al primo turno.

Chiusa la parentesi da allenatore, Platini intraprese la carriera da dirigente, iniziando come co-presidente del comitato organizzatore dei Mondiali del 1998 in Francia.

Vicepresidente della Federcalcio francese dal 2001 al 2008, dopo un’esperienza nell’Esecutivo della Fifa, il 26 gennaio 2007 vinse le elezioni per la presidenza della Uefa, carica per cui è stato riconfermato nel 2011 e nel 2015.

Nell’ottobre 2015 uno scandalo legato a somme sospette versate in suo favore per consulenze alla Fifa lo costrinse alle dimissioni. Nel 2018, tuttavia, la magistratura svizzera lo ha scagionato da tutte le accuse.

Totti dà l’addio alla Roma: “Gli americani volevano i romani fuori e ci sono riusciti”

Totti lascia la Roma: la risposta del club giallorosso