Me

Antonio Conte sempre più vicino alla Roma. Il vice Alessio: “È intrigato dal progetto giallorosso”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 1 Mag. 2019 alle 19:54 Aggiornato il 1 Mag. 2019 alle 19:55
Immagine di copertina

Antonio Conte alla Roma? La strada non è così in salita. Il club giallorosso da tempo sta corteggiando l’ex ct della Nazionale che ogni giorno sembra sempre più vicine, anche se la concorrenza è tanta. Su di lui infatti si sono mossi diversi club di alto livello, ma il club di James Pallotta piace al tecnico salentino. A confermarlo è stato oggi il suo vice Angelo Alessio in un’intervista al Corriere dello Sport: “È intrigato da un progetto Roma”, le sue parole che hanno accesso l’entusiasmo dei tifosi.

Antonio è un allenatore che tutti vorrebbero avere alla guida della propria squadra – ha detto Alessio -. Ha sempre detto “Vado dove c’è un progetto valido, a lungo termine e con garanzie”. Lui vuole un progetto che poi lo porti a vincere, non a rimanere a galla – ha poi aggiunto -. La Roma ha in cantiere lo stadio, ha tanti progetti che vuole portare avanti e una squadra giovane: perché no? È un progetto che può tenere in considerazione. Antonio è aperto a varie possibilità, l’importante è che ci siano garanzie”.

Garanzie che la Roma gli avrebbe dato. Secondo diversi rumors, Pallotta sarebbe, addirittura, disposto a dargli “carta bianca”. Anche sul mercato? Da capire infatti la sorte di diversi giocatori tra cui Dzeko, lo scorso anno accostato al Chelsea di Antonio Conte. “Sì, lo avremmo voluto con noi ma non partì mai una vera e propria trattativa”, le parole di Alessio.

“La Roma ha fatto qualcosa di straordinario l’anno scorso, io e Antonio ne abbiamo parlato spesso. Il club giallorosso negli ultimi quattro-cinque anni ha venduto i migliori giocatori, dando via elementi importanti come Alisson, Nainggolan, Rudiger, Strootman… Sono passati giocatori molto importanti per Roma – ha proseguito il vice di Conte -. Il campionato giocato l’anno scorso e, soprattutto, il percorso europeo è stato straordinario”.

Poi ancora: “Le attese dopo i risultati dell’anno passato sono state probabilmente troppo grandi e una serie di problemi, compresi gli infortuni, hanno fatto precipitare la situazione. Antonio è intrigato da un progetto Roma, anche in caso di mancata qualificazione alla Champions League. Non c’è preclusione”. E la Roma, con i suoi tifosi, ci spera sempre di più.