Me

Addio di De Rossi alla Roma, domenica l’ultima partita del Capitano giallorosso in un Olimpico tutto esaurito

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 24 Mag. 2019 alle 21:10 Aggiornato il 25 Mag. 2019 alle 21:17
Immagine di copertina

Addio De Rossi Roma Parma | L’ultima partita del Capitano | 25 maggio 2019

ADDIO DE ROSSI ROMA PARMA – Domenica 25 maggio 2019, allo Stadio Olimpico, non ci sarà solo la partita tra Roma Parma, tra l’altro importantissima in chiave corsa alla Champions League. Dalle 20.30, la Capitale darà il suo addio al Capitano, Daniele De Rossi.

Non si abitua mai ai grandi saluti, la città di Roma: due anni fa quello a Francesco Totti, il Pupone, il Capitano che per anni ha onorato e reso grande la maglia di questa città. Adesso quello di Daniele De Rossi, che per anni ha ricoperto il ruolo (mai apprezzandolo, in realtà) di “Capitan Futuro“, per poi ereditare la fascia di Totti e portarla per altre due stagioni.

Fino all’inatteso epilogo: la comunicazione della società, che non ha voluto rinnovare il contratto di De Rossi. L’amarezza del Capitano giallorosso, la proposta di firmare in bianco, con contratto a gettone di presenza (Qui gli audio che De Rossi ha inviato ad alcuni amici su Whatspp), il semi-dietrofront della società.

E poi la commossa conferenza stampa di addio alla Roma. Lì, con voce ferma e sguardo fiero, De Rossi ha detto chiaramente – dopo aver ricevuto i complimenti da parte dei dirigenti – che, se fosse stato per lui, il contratto a un giocatore del genere lo avrebbe rinnovato di corsa.

Addio De Rossi Roma Parma | L’ultima partita del Capitano

Così, Roma-Parma sarà l’ultima partita di De Rossi con la maglia della Roma. Dopo oltre 400 partite con i giallorossi, dunque, il centrocampista classe 1983 darà il suo saluto a quei tifosi che lo hanno sempre amato.

Non si sa ancora nulla del suo futuro: lui stesso, durante la conferenza, ha sottolineato come non abbia ancora preso una decisione. Prima, le vacanze: un modo per staccare la testa dalle notizie e dal dolore di un addio che, in fondo, De Rossi non voleva.

Ci sarà tempo per pensare al futuro, magari insieme alla moglie Sarah Felberbaum. Prima, il saluto dell’Olimpico. In una partita in cui partirà da titolare.

Dove vedere l’addio di De Rossi alla Roma in streaming

Addio De Rossi Roma Parma | Cosa farà il centrocampista in campo

Al termine della partita, che lo vedrà partire dai titolari prima di – quasi sicuramente – uscire per ricevere l’ultima standing ovation dello stadio Olimpico, partirà la festa per Daniele De Rossi.

Conoscendo il suo carattere schivo, non ci sarà una cerimonia in stile Totti: nessun discorso a tutto lo stadio, nessuna lettera da leggere. Solo tanta commozione e un ultimo giro di campo, forse il più faticoso di tutta la carriera.

“Le bandiere si difendono”, la contestazione dei tifosi della Roma dopo il mancato rinnovo del contratto di De Rossi | VIDEO

Addio De Rossi Roma Parma | Lo stadio tutto esaurito

Domenica 26 maggio, i fortunati che sono riusciti a trovare un biglietto per Roma-Parma si troveranno davanti a un déja-vu. Lo stadio Olimpico, infatti, sarà tutto esaurito: 61mila i taglianti staccati. Curve, tribune, distinti stracolme: sarà fortissimo il boato in onore di De Rossi.

Proprio come avvenne per Totti, solo due anni fa: in quell’occasione, anzi, i tifosi erano qualche centinaio in meno, perché il settore ospiti non era stato riempito per questioni di sicurezza.

Domenica, però, non ci sarà solo il saluto a De Rossi: è scontato che ci sarà spazio per un’altra contestazione dei tifosi nei confronti della società, nonostante l’allenatore, Claudio Ranieri, abbia fatto un appello invitando tutti a sotterrare l’ascia di guerra e onorare il loro Capitano.

Striscia la Notizia, Staffelli consegna il Tapiro d’Oro a Daniele De Rossi dopo l’annuncio dell’addio alla Roma

Addio De Rossi Roma Parma | Le parole di Ranieri alla vigilia

Roma Parma non sarà solo l’ultima partita di De Rossi con la Roma. Anche Ranieri dirà addio ai colori giallorossi, dopo essere subentrato a stagione in corso dopo l’esonero di Eusebio Di Francesco. È stato lo stesso Ranieri, qualche settimana fa, a chiarire il suo futuro.

E nella conferenza stampa alla vigilia dell’ultima partita di campionato, l’allenatore è tornato sul tema De Rossi. Chiarendo da che parte sta, se così si può dire, nella disputa tra tifosi/giocatore e società.

“Mi auguro – ha detto Ranieri – che ci sia l’atmosfera che Daniele merita. Lo stadio deve essere pieno d’amore per Daniele, per quello che ha dato e per come l’ha dato al club. De Rossi giocherà dal primo minuto con la fascia, merita l’ovazione di tutto l’Olimpico, deve essere una festa e lui deve fare una grande partita”.

“Carriera in giallorosso al termine? Non ne avevamo mai parlato – ha continuato il mister della Roma – sia per lui che per me è stato un fulmine a ciel sereno. La multa per la fascia da capitano personalizzata per Daniele la pago io se serve, sono d’accordo che De Rossi debba avere una fascia diversa”.

Addio De Rossi Roma Parma | La lettera di addio di DDR alla Roma

In attesa di disputare l’ultima partita con la maglia della Roma, Daniele De Rossi ha animato la vigilia del match con il Parma scrivendo una commovente lettera di addio alla società giallorossa. Nella lettera, il centrocampista ha ringraziato tutti: dal presidente Pallotta allo staff medico sino ai tecnici che lo hanno allenato in carriera dai quali ha “imparato qualcosa di importante”.

Menzione speciale per Francesco Totti “un fratello dal quale ho ricevuto la fascia”, per Alessandro Florenzi “un altro fratello che sono sicuro ne sia altrettanto degno” e ovviamente per la sua famiglia: dai genitori alla moglie Sarah Felberbaum sino ai suoi figli.

Ovviamente il ringraziamento più grande è andato ai tifosi della Roma ai quali ha anche chiesto di “mettere da parte la rabbia per ricominciare a soffiare per spingere l’unica cosa che ci sta a cuore, la cosa che viene prima di tutto e tutti, la Roma”.

De Rossi ha poi concluso la sua lettera con le seguenti parole: “Nessun mai vi amerà più di me”.

Daniele De Rossi: bella bandiera pasoliniana nel tempo dei mercenari (di L. Telese)