Me

De Rossi, lettera di addio alla Roma: “Nessuno vi amerà più di me”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 25 Mag. 2019 alle 21:06 Aggiornato il 25 Mag. 2019 alle 21:07
Immagine di copertina
Credit: ANSA/SIMONE ARVEDA

Daniele De Rossi: ecco la commovente lettera di addio alla Roma | Domenica 26 maggio, alle ore 20.30, allo Stadio Olimpico di Roma Daniele De Rossi indosserà per l’ultima volta la maglia della Roma. Dopo l’addio a Francesco Totti, dunque, i tifosi giallorossi accorreranno in massa (si va verso il tutto esaurito) sugli spalti per rendere omaggio a “Capitan Futuro”.

Dove vedere l’addio di De Rossi alla Roma in streaming

A rendere la vigilia ancora più emozionante è la lettera di addio scritta da DDR e pubblicata sul sito ufficiale della AS Roma.

Nella lettera, che inizia con una foto che ritrae un De Rossi piccolo e sorridente con indosso già la maglia giallorossa, il calciatore ripercorre il suo amore per la Roma e si lascia andare a una serie di ringraziamenti, inclusi quelli al presidente Pallotta, contestato dai tifosi e punzecchiato anche dallo stesso giocatore (Qui gli audio che De Rossi ha inviato ad alcuni amici su Whatspp), per la modalità con cui è stato gestita la decisione di non rinnovare il contratto del centrocampista della Roma.

Il calciatore, anzi, ha invitato i suoi tifosi a mettere da parte rabbia e rancore per ricominciare tutti insieme a remare dalla stessa parte per il bene della Roma.

Di seguito il testo integrale della lettera.

addio-de-rossi-roma-lettera

Che te ridi regazzi’?
So’ felice!
Perché sei felice?
C’ho la maglietta della Roma
Ma non è che è falsa?
Ma no, il numero l’ha cucito mia zia…
E se te dico che la indosserai più di seicento volte?
A me ne basterebbe una di partita.

Riguardando questa foto, che ormai conoscete tutti, mi rendo conto di quanto io sia stato fortunato, una fortuna mai data per scontata e per la quale non sarò mai abbastanza grato.
È stato un viaggio lungo, intenso, sempre accompagnato dall’amore per questa squadra.

Questa gratitudine non voglio lasciarla sospesa per aria, perché, mentre scrivo la parola grazie, non mi passano per la testa dei concetti astratti, ma dei ricordi e delle sensazioni, delle facce e delle voci.

Permettetemi di ringraziare tutta la Roma che ho conosciuto:

la famiglia Sensi, il presidente Pallotta.

Tutte le donne e gli uomini che hanno lavorato e lavorano a Trigoria.

Gli allenatori che mi hanno guidato, ognuno mi ha insegnato qualcosa di importante, nessuno escluso.

Gli staff medici che si sono presi cura di me; Damiano, senza il quale le mie presenze con questa maglia sarebbero state sicuramente meno.

I miei compagni, la parte più intima del mio lavoro: sono la mia famiglia. La quotidianità dello spogliatoio di Trigoria sarà quella che mi mancherà di più.

Bruno, che ha visto in me qualcosa di speciale e mi ha portato in questo fantastico settore giovanile. È lì che, una mattina di agosto, ho incontrato Simone e Mancio, che mi sono rimasti accanto finora e resteranno per tutta la vita.

Grazie a Davide, anche lui accanto a me per tutta la vita.

Grazie a Francesco. La fascia che ho indossato l’ho ricevuta dalle mani di un fratello, di un grande capitano e del calciatore più straordinario al quale io abbia mai visto indossare questa maglia. Non capita a tutti di giocare 16 anni accanto al proprio idolo. Riconsegno questa fascia, con rispetto, ad Alessandro. Un altro fratello che sono sicuro ne sia altrettanto degno.

Grazie a papà e mamma per avermi cresciuto trasmettendomi due valori che sono ogni giorno con me: non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te stesso e dai una mano a chi è in difficoltà.

Grazie a Ostia, alla sua gente e al suo mare, che mi hanno svezzato da bambino, accompagnato da adolescente e riaccolto da adulto.

Grazie anche a chi mi ha sopportato e supportato tra le mura di casa: senza Gaia, Olivia e Noah e soprattutto Sarah sarei la metà dell’uomo che sono oggi.

Grazie ai tifosi della Roma, i miei tifosi. Mi permetto oggi di dire miei, perché l’amore che mi avete dato mi ha permesso di continuare ad essere in campo parte di voi. Siete stati la ragione per cui tante volte ho scelto di nuovo questa città. Domani sarà la seicentosedicesima volta in cui io considererò questa scelta, la scelta giusta.

Il 26 maggio di qualche anno fa abbiamo vissuto una giornata dopo la quale pensavamo di non poter tornare a sorridere. Lo pensai anche io, finché non vidi il tatuaggio di un tifoso con scritto “27 maggio 2013, eppure il vento soffia ancora”. Non so a chi appartenesse questo tatuaggio, ma so che il vento ricomincerà a soffiare anche da questo 27 maggio.

Mai come in questi giorni ho sentito il vostro affetto: mi ha travolto e mi ha riempito il cuore. Mai come in questi giorni vi ho visto così uniti per qualcosa. Ora, il regalo più grande che mi potete fare è mettere da parte la rabbia e tutti uniti ricominciare a soffiare per spingere l’unica cosa che ci sta a cuore, la cosa che viene prima di tutto e tutti, la Roma.

Nessun mai vi amerà più di me.

Arrivederci.

Daniele De Rossi

Daniele De Rossi: bella bandiera pasoliniana nel tempo dei mercenari (di L. Telese)