Me

Realiti, la combo polemiche-ascolti bassi fa slittare il programma in seconda serata

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 12 Giu. 2019 alle 09:53 Aggiornato il 12 Giu. 2019 alle 15:57
Immagine di copertina

REAILITI SECONDA SERATA – Enrico Lucci e il suo Realiti spostati in seconda serata. Il motivo? Più di uno. Oltre al poco successo negli ascolti, il programma di Rai 2 ha scatenato polemiche sin dalla prima puntata. 

Leonardo Zappalà in arte Scarface, un giovane cantante neomelodico, avrebbe offeso Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, vittime delle stragi di Cosa Nostra del 1992.

Durante la prima puntata del 5 giugno 2019, il talk show ha generato grandissime polemiche e la Rai ha deciso di avviare un’istruttoria per ricostruire i passaggi della vicenda.

Realiti, cantante neomelodico offende Falcone e Borsellino: la Rai apre un’istruttoria

“Direttore di rete, conduttore, autori – si legge in una nota di Viale Mazzini – sono stati ampiamente sensibilizzati sulla necessità di porre la massima attenzione sulla scelta degli ospiti, delle tematiche e sulla modalità di trattazione di argomenti ‘sensibili’; in coerenza con quanto ogni giorno la Rai testimonia attraverso programmi, eventi speciali e fiction dedicati alla sensibilizzazione della collettività contro la criminalità organizzata e a sostegno della memoria dei tanti martiri delle mafie. L’azienda ha avviato un’istruttoria per ricostruire tutti i passaggi della vicenda”.

Realiti seconda serata | Zappalà e Niko Pandetta | Polemiche

Cos’ha detto Zappalà, di preciso? “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro”.

Il problema non è il cantante che ha insultato Falcone e Borsellino in Rai ma siamo noi, un Paese senza memoria

Ma Zappalà non è stato l’unico ad attirare l’attenzione. Anche Niko Pandetta, in un video trasmesso durante la messa in onda, ha raccontato di aver finanziato il suo primo cd con una rapina.

Quest’ultimo ha poi chiesto scusa dicendo: “Premetto che non ho mai, e dico mai, pensato di reclamizzare la criminalità e che le mie esternazioni sono sempre state ironiche, magari maldestre… Mi riferisco nello specifico all’espressione, oggi strumento di tante polemiche, “io le pistole le ho d’oro”: è vero, potevo risparmiarmi questa battura di cattivo gusto che mi si è ritorta contro. Ci tengo a precisare che non ho mai offeso la memoria di Falcone e Borsellino, illustrissimi personaggi che non ho mai nominato”.

Il cantante neomelodico ha poi aggiunto di essere stato invitato al programma come ospite, ma poi quell’invito non è mai arrivato.

Il nuovo programma condotto da Enrico Lucci è stato stroncato sul nascere, spostandosi dalla prima alla seconda serata. Realiti siamo tutti protagonisti vi aspetta dunque il 12 giugno 2019 in seconda serata, sempre su Rai 2.